Learning Vegetable Garden Project: strumenti web e app per una didattica attiva

Clara Santa Marinoa, Licia Arcidiaconob

a Docente di Scienze matematiche, chimiche, fisiche e naturali – I.C. Giovanni Verga Fiumefreddo di Sicilia (CT)

b Docente di Lingua e civiltà Inglese – I.C. Giovanni Verga Fiumefreddo di Sicilia (CT)

clarasmarino@gmail.comliciaar@tiscali.it

Scarica versione PDF del lavoro

Nella società odierna l’evoluzione della cultura digitale e la maggiore diffusione di device mobili stanno determinando molteplici cambiamenti nell’organizzazione e diversificazione delle conoscenze e dei saperi. E’ dunque necessario che la scuola vada oltre la concezione tradizionale dell’apprendimento e si orienti sempre più verso la destrutturazione degli spazi formativi, utilizzando stili comunicativi che privilegino l’interazione, la produzione collaborativa e la condivisione di contenuti per sfruttare al meglio la realtà digitalizzata in cui siamo immersi. Pertanto i docenti, assumendo il ruolo di facilitatori, devono guidare i ragazzi verso un metodo di studio e di ricerca che valorizzi la strumentazione tecnologica, potenziando al tempo stesso l’autonomia nello studio e la formazione del profilo culturale di ogni allievo.

Essendo le lingue straniere, nella loro funzione veicolare, predisposte alla trasmissione di diversi contenuti, abbiamo scelto di strutturare un progetto CLIL in inglese destinato a due classi terze di scuola secondaria di I grado dell’Istituto Comprensivo “G. Verga” di Fiumefreddo di Sicilia (CT). La scelta della materia non linguistica è ricaduta sulle scienze in quanto è una disciplina che si presta bene a creare attività che sviluppino il pensiero critico e facilitino il Cooperative Learning. Non meno importante è sottolineare che, in questo ordine di scuola, il modo in cui le conoscenze scientifiche vengono percepite ed interiorizzate è fortemente influenzato dal piacere di apprendere. Pertanto, nuovi approcci metodologici per l’insegnamento delle discipline scientifiche sono utili a stimolare l’interesse per rendere lo studio più efficace.

Il percorso didattico da noi intrapreso ha rappresentato una sfida educativa mirata alla sensibilizzazione e diffusione della metodologia CLIL nell’ottica di sperimentare e porre le basi per un collegamento tra primo e secondo ciclo di istruzione. L’utilizzo congiunto di CLIL (Content and Language Integrated Learning) e CALL (Computer Assisted Language Learning), nell’ottica di un uso efficace del digitale, può quindi costituire uno strumento a disposizione del docente per facilitare l’apprendimento degli studenti e fornire loro una serie di scaffolding tools utili a superare la complessità del task assegnato e andare in direzione di una didattica per competenze.

Dall’idea al progetto

Il Learning Vegetable Garden Project, sviluppato su più livelli e attraverso più modalità (in presenza e online), ha identificato nell’orto scolastico una fonte ricca di stimoli e una risorsa preziosa per trovare un punto di incontro in cui far convergere più esperienze didattiche e coinvolgere tutti gli studenti, venendo incontro a diversi stili di apprendimento. Attraverso la progettazione di un orto didattico si crea una circolarità virtuosa tra attività teoriche e pratiche che contribuisce a creare svariate occasioni per l’uso reale della lingua straniera: non soltanto mezzo di comunicazione ma di ricerca, analisi e rielaborazione critica di informazioni per sviluppare abilità cognitive e competenze trasversali, con ripercussioni sull’orientamento agli studi e sulle opportunità professionali.

Le lingue non sono barriere invalicabili ma sfide culturali e sociali che consentono di attivare le capacità di integrazione e comunicazione; pertanto, abbiamo ritenuto opportuno inserire il progetto all’interno di una più ampia cornice europea per concordare uno scambio virtuale tramite la piattaforma eTwinning.

La nostra ricerca ci ha portato così a un gemellaggio elettronico con l’istituto spagnolo CEIP Las Pedrizas di Soria nel periodo gennaio-maggio 2017. Il percorso è stato sperimentato partendo da una pianificazione comune degli obiettivi formativi, degli argomenti e dell’elaborazione del materiale, della programmazione delle lezioni in compresenza e della valutazione dei risultati. Il gemellaggio ci ha permesso di lavorare utilizzando l’ambiente digitale TwinSpace (fig.1), per pianificare attività, strategie, obiettivi comuni e comparare i risultati ottenuti.

Marino - 1Figura 1 – Spazio TwinSpace per i membri del Learning Vegetable Garden Project

Il TwinSpace, da noi suddiviso in sezioni specifiche, ha costituito lo spazio virtuale che ha permesso il contatto e la collaborazione tra partner stranieri. Nella sezione Pages abbiamo inserito linee guida chiare per far viaggiare le due realtà scolastiche su binari paralleli; da una parte, luogo di discussione e confronto sull’esperienza didattica tramite sessioni chat, foto, video e il Forum; dall’altra, luogo in cui sono i task assegnati servissero a dare un’anima condivisa al progetto.

Metodologia CLIL e didattica digitale

I gemellaggi elettronici si svolgono con strumenti digitali normalmente in dotazione presso una scuola o, secondo il più recente modello BYOD, con strumenti di cui sono in possesso gli alunni. All’interno del progetto, applicazioni web e digital tools disponibili gratuitamente in rete sono stati integrati nelle attività per presentare contenuti scientifici in formato multimediale e incentivare la curiosità degli alunni, coinvolgendoli in modo attivo nella realizzazione degli stessi.

Il percorso didattico, incentrato sulla task-based methodology, ha unito ambiente digitale e classe reale su più livelli cognitivo-linguistici, utilizzando come perno centrale un ambiente di apprendimento realizzato con l’app Padlet (https://padlet.com/liciaarc/vegetablegarden).

Si è scelto di sfruttare la flessibilità di un semplice muro virtuale per creare una più articolata, ma pratica e intuitiva, piattaforma di lavoro comune. Accessibile da qualsiasi device, in qualsiasi momento, il nostro Padlet (fig.2) racchiude al suo interno tutti i materiali e gli step necessari alla realizzazione del prodotto multimediale finito, un video documentario sull’orto didattico della scuola. L’applicazione ci ha permesso di rendere più consono alle nostre esigenze il muro virtuale, impostando lo sfondo e la struttura, inserendo un titolo e creando una serie di post-it contenenti la descrizione dei task, ma anche link, mappe concettuali, immagini, video e documenti in lingua inglese, tutti scaricabili dagli utenti in possesso del link d’accesso.

Il Padlet è stato quindi impiegato per mostrare le diverse fasi da seguire per portare a termine il progetto. Il lavoro si è sviluppato progressivamente, di conseguenza meglio adattandosi ai bisogni degli studenti, implementando o modificando l’impianto iniziale della piattaforma in base agli sviluppi teorico-pratici del lavoro svolto dentro e fuori dalla classe e al contributo/feedback proveniente in tempo reale da entrambe le realtà scolastiche.  

Marino - 2Figura 2 – Padlet realizzato per il Learning Vegetable Garden Project

A una prima fase introduttiva (brainstorming delle parole chiave del progetto tramite Wordle, generatore di word clouds) e alla suddivisione in gruppi con relativa distribuzione dei ruoli individuali è seguita un’ampia parte dedicata allo studio dei contenuti, alla progettazione computerizzata dell’orto (fig.3) e alla familiarizzazione col linguaggio specifico, fondamentale in vista dell’esecuzione della parte pratica all’interno dell’orto scolastico e della stesura dello script del documentario.

Marino - 3Figura 3 – Progettazione computerizzata dell’orto

Attività più tradizionali sono state alternate ad altre incentrate sul blended learning e sulla gamification, che hanno stimolato l’apprendimento sociale mantenendo gli studenti raccolti attorno a una schermata proiettata nello spazio classe, creando così un’attività coinvolgente che ha permesso di spezzare la routine e aggiungere anche un elemento di sana competitività. In questo contesto, l’app Kahoot! ha permesso di simulare un quiz show in aula, generando domande a risposta multipla per monitorare i progressi degli studenti riguardo agli obiettivi di apprendimento. Il quiz, volto a testare vocaboli e contenuti studiati nella fase iniziale del progetto, è stato reso accessibile agli alunni mediante dispositivi mobili.

Il funzionamento di questa applicazione è molto semplice in quanto il docente lancia sulla LIM un Kahoot! – da https://getkahoot.com/e il sistema genera un numero PIN univoco che gli studenti inseriscono sul sito https://kahoot.it in modo da accedere al quiz creato o selezionato per loro all’interno di un vasto database (fig.4).   

Marino - 4Figura 4 – Schermata LIM proiettata nello spazio classe durante l’uso di Kahoot!

Un qualsiasi smartphone si trasforma così in una pulsantiera da gioco e, non appena inserito il PIN e il nome della squadra, si viene indirizzati a una schermata di attesa finché tutte le squadre compaiono nella hall. Per avviare il quiz, l’insegnante clicca su Start e le domande vengono visualizzate sulla schermata principale. Ogni risposta (fino a 4 a scelta multipla) corrisponde ad un colore e a una forma distintiva da selezionare (fig.5). Per ogni risposta corretta, si ha un numero di punti assegnato a ciascun team e al termine di ogni domanda il gruppo visualizza sullo schermo il proprio punteggio e posizionamento. Alla fine, è possibile scaricare un foglio elettronico con la classifica e i relativi punteggi.

Marino - 5Figura 5 – Uso degli smartphone durante il quiz lanciato con l’app Kahoot!

Un altro digital tool utilizzato durante lo svolgimento del progetto è stato il  QR (Quick Response) Code Reader, che ha permesso un’esperienza didattica finalizzata alla flessibilità e alla personalizzazione dell’apprendimento, con integrazione di materiale cartaceo e digitale. I contenuti elaborati dai docenti all’interno dei QR Codes (10 consigli per l’orto ideale) sono stati decodificati attraverso questa applicazione gratuita installabile su device mobili (fig.6).

Marino - 6Figura 6 Uso degli smartphone per la decodifica dei QR Codes

Disposti in vari punti della classe, i codici sono stati scansionati dai team per trovare e prendere nota della lista di consigli nel minor tempo possibile (fig.7). Ciò ha permesso di lavorare su un testo tecnico di una certa complessità e lunghezza, dividendolo in più parti per favorire l’assimilazione di contenuti scientifici in lingua straniera. Il format QR Code ha facilitato l’acquisizione di competenze comunicative e digitali e una migliore comprensione degli argomenti trattati, sostenendo la motivazione e la partecipazione degli alunni.

Marino - 7Figura 7 – Trascrizione del testo decodificato mediante smartphone

Il terzo step del nostro Padlet contiene una selezione di materiali sia cartacei che digitali legati a linguaggio e tecniche del cinema, in modo da far familiarizzare gli alunni con elementi basilari di filmmaking prima di passare alla realizzazione del documentario. Partendo da una parola e dalla relativa definizione, un learning tool immediato come Quizlet ci ha consentito di creare in pochissimo tempo una varietà di vocabulary games e test multimediali utili a consolidare il lessico specifico (fig.8).

Marino - 8Figura 8 – Schermata Quizlet con i vari vocabulary games generati attraverso l’inserimento delle definizioni chiave

La parte relativa alla creazione del documentario ha previsto l’utilizzo degli smartphone come macchine da presa per la realizzazione dei vari segmenti che ne costituiscono l’impianto narrativo. L’uso di software di video editing, insieme al lavoro di traduzione dei dialoghi e aggiunta di sottotitoli, ha costituito una risorsa funzionale a mettere insieme i vari tasselli del processo di apprendimento e acquisire ulteriori abilità trasversali.

Conclusioni 

Un processo di apprendimento attivo permette agli alunni di sviluppare le otto competenze chiave necessarie al cittadino del 21° secolo; la strada intrapresa col progetto illustrato in questo articolo, unendo in sé innovazione metodologica, approccio interdisciplinare e uso creativo delle TIC, ha reso i ragazzi protagonisti di tale processo e ha permesso di disseminare buone pratiche all’interno della nostra scuola al fine di implementare l’uso dell’approccio CLIL.

Le diverse attività proposte hanno contribuito ad una trasformazione del processo di insegnamento-apprendimento. In particolare, dal punto di vista didattico, il lavoro svolto per mezzo di sussidi digitali ha permesso agli alunni di utilizzare indirettamente un insieme di conoscenze per costruire competenze. Sul piano formativo, il passaggio da un sistema preordinato ad un sistema aperto di comunicazione, ricerca e sviluppo ha promosso l’approfondimento delle scienze in contesto reale e con mezzi diversificati, favorendo l’interdisciplinarietà dei saperi. La condivisione e il lavoro di gruppo hanno contribuito a migliorare l’autostima e la motivazione ad apprendere. Inoltre, l’uso della lingua inglese e il conseguente pluralismo culturale hanno aiutato i ragazzi a mettersi in gioco, ad aprirsi al confronto e imparare ad accettare critiche e suggerimenti per migliorare il proprio metodo di lavoro.

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons