CLIL e tecnologia alla scuola primaria: dire, fare … mangiare

Laura Cesaro

laura.cesaro@gmail.com

Scarica versione PDF del lavoro

“Non si possono insegnare le lingue, si possono solo creare le condizioni affinché vengano apprese” Wilhelm von Humboldt (1767-1835)

Iniziare con questa citazione del filosofo, linguista e diplomatico tedesco, vuol essere un modo per rafforzare l’idea che proporre esperienze di CLIL significa creare condizioni, occasioni d’uso di una lingua non nativa per apprendere concetti non linguistici, ancorati più all’esperienza e ai contesti reali che ai testi scolastici, anche nella scuola primaria.

Nelle attività CLIL infatti i nostri alunni si trovano non tanto ad “imparare” ad esprimersi in lingua, quanto piuttosto ad “usare” una lingua diversa dalla propria per esprimere contenuti disciplinari e non, sviluppando competenze che oggi sono sempre più necessarie: vengono così introdotti ad un modo di apprendere che incontreranno con sempre maggiore frequenza nel loro percorso scolastico e formativo.

Ora: in che modo la tecnologia può contribuire alla riuscita di un percorso CLIL?

Gli strumenti digitali e il web sono opportunità importanti, perché valorizzano la condivisione di contenuti e di esperienze che possono diventare vettori di apprendimento, invitano all’azione e al cambiamento positivo, sono occasione di conoscenza e scambio tra persone, comunità e culture.

Le tecnologie digitali infatti sono facili da usare, presentano costi sempre più accessibili che ne consentono un’ampia diffusione, permettono di elaborare, correggere e modificare contenuti con facilità. I prodotti ottenuti possono essere archiviati, duplicati, distribuiti con grande semplicità grazie ad internet, con la pubblicazione su siti personali o istituzionali o su piattaforme come blog o Youtube, che favoriscono la condivisione e la socializzazione dei contenuti.

Leggendo la call per questo numero di Bricks, ho ripensato ad alcuni progetti che ho contribuito a realizzare nel tempo, nei quali l’intreccio tra metodologia CLIL e ICT ha permesso lo sviluppo di percorsi significativi.

Drip the drop

Figura 1 – Drip the drop, un video realizzato da alunni di due terze.

La prima esperienza è sintetizzata in un video sul ciclo dell’acqua realizzato con gli alunni di due classi terze a conclusione di un progetto interdisciplinare che ha coinvolto Italiano, Scienze, Arte e Immagine. Il video intitolato “Drip the drop” è stato costruito con la tecnica della ripresa a passo uno.
Nonostante la semplicità del prodotto finale, il percorso, che ha visto coinvolte diverse insegnanti, è stato piuttosto articolato e per i bambini è diventata un’occasione per sperimentarsi in attività di costruzione e di condivisione che permettono di riflettere anche su importanti elementi di media education.

Sono stati diversi, infatti, gli aspetti che hanno coinvolto la sfera tecnologica: dalle attività più comuni di preparazione del materiale per le riprese, alla scrittura di un semplice storyboard con la definizione della scenografia, del testo e delle azioni in scena, per arrivare alla fase di produzione vera e propria dello stopmotion.

Dal punto di vista linguistico, l’acquisizione del lessico specifico e di strutture specifiche ha permesso ai bambini di tradurre e raccontare in lingua inglese la storia della gocciolina d’acqua Drip, rielaborando quanto appreso durante le attività disciplinari svolte in modalità CLIL.
Ripercorrere il ciclo dell’acqua attraverso i suoi movimenti, registrare la voce narrante, aggiungere suoni e musica sono state esperienze di scoperta e di apprendimento giocoso, che hanno richiesto allo stesso tempo un notevole sforzo e impegno cognitivo, di un sapere agito e motivante che promuove competenze non solo linguistiche.

EatClil

Cesaro - 1Figura 2 – Il logo del progetto eatCLIL.

Più impegnativo e complesso invece è stato il progetto CLIL di educazione alimentare promosso dalla rete di istituti comprensivi della provincia di Padova ”CTRS PER LE COMPETENZE” intitolato EatClil, sviluppato durante lo scorso anno scolastico a partire dalla sottostante domanda.

Cesaro - 2Figura 3 – La domanda di avvio di  eatCLIL.

Si è pensato di far leva su una modalità comunicativa molto apprezzata dai ragazzi di oggi, abbinata ad un format conosciuto e diffuso negli ultimi anni: le videoricette.

Il progetto ha coinvolto 8 scuole in rete, con capofila l’IC di Este (Pd), per un totale di 268 alunni di classi che vanno dalla 3° primaria alla 3° della scuola secondaria di primo grado e 46 insegnanti (di cui 20 di lingua inglese e 26 di discipline non linguistiche), impegnati in attività finalizzate a realizzare una serie di ricette dei piatti della tradizione locale presentate in formato video, in modo da farle conoscere e diffondere anche oltre i confini nazionali.

Cesaro - 3Figura 4 – Didascalia da definire.

Il gruppo di progettazione ha previsto di partire innanzitutto da una proposta di formazione e autoformazione rivolta agli insegnanti, sia in ambito linguistico/metodologico che in quello tecnologico, seguita dallo svolgimento delle attività nelle classi e dalla verifica, valutazione e raccolta della documentazione del percorso svolto.
Nella fase iniziale di ricerca degli strumenti, si è scelto di dotare ogni Istituto di un iPad per la sua facilità d’uso e l’integrazione in un solo device di tutte le funzionalità necessarie alle diverse attività: ricercare e raccogliere dati, produrre documenti, fotografare, realizzare riprese e montaggio. Questo ha permesso anche di avere una certa uniformità nella progettazione e realizzazione dei video prodotti dalle diverse scuole.
Nella formazione dei docenti la tecnologia ha avuto un ruolo importante, sia perché una parte delle attività in presenza è stata dedicata alla presentazione di app per la documentazione e lo sviluppo di contenuti digitali – oltre ad elementi di narratologia, tecniche di ripresa e montaggio, post produzione e condivisione dei video – sia per l’aspetto organizzativo, che ha usufruito della piattaforma Moodle messa a disposizione dall’IC di Ponso per la raccolta di materiali, il confronto, lo scambio di informazioni, la pianificazione delle riprese.

L’intero percorso in classe si è avvalso, oltre che delle modalità di lavoro proprie dell’insegnamento di L2 come il peer tutoring, la TPR (Total Physical Response), le lezioni interattive, anche di una modalità di documentazione innovativa e non sempre consueta, grazie alla versatilità degli strumenti digitali. Le discipline coinvolte dalla metodologia CLIL sono state Scienze, Geografia, Arte e Immagine, richiedendo la collaborazione di più docenti.

Cesaro - 4Figura 5 – Qualche immagine delle attività in aula.

Per la conclusione delle attività si è poi avviata una ricerca delle cucine-set in cui gli alunni potessero trasformarsi in cuochi per un giorno. Le scuole attrezzate hanno ottenuto la collaborazione delle mense scolastiche interne, mentre altre classi sono state ospitate dal vicino Centro di Formazione Professionale del settore ristorazione Manfredini di Este.

Cesaro - 5Figura 6 – Qualche immagine delle attività in cucina.

I bambini, che avevano utilizzato le nuove conoscenze disciplinari e linguistiche per stendere la ricetta di un piatto tipico veneto e per la relativa traduzione in inglese, hanno poi indossato le vesti degli chef internazionali e si sono messi alla prova davanti alla videocamera.

Da parte loro, i docenti si sono cimentati con le riprese, il montaggio e il caricamento dei filmati su YouTube, che sono stati raccolti poi in un blog dedicato alla disseminazione dell’esperienza, insieme a tutta la documentazione di accompagnamento del progetto.

In questo modo, tutti hanno potuto non solo rivedere le ricette della propria classe, ma anche esplorare e scoprire quanto proposto dai compagni delle altre scuole coinvolte.

Alla fine del percorso, sono stati predisposti due questionari su Google Moduli, uno rivolto ai docenti e l’altro agli studenti per riscontrare le criticità, i punti di forza, le ipotesi di miglioramento dell’esperienza e la replicabilità della stessa rilevati dagli insegnanti, e raccogliere i feedback e le autovalutazioni degli alunni.

Ecco una carrellata di quanto emerso:

Cesaro - 6Cesaro - 6-2Cesaro - 6-3Figura 7 – Screenshot della valutazione.

Aumento di interesse e motivazione, miglioramento dei risultati disciplinari, feedback raccolti dagli studenti invitano ad introdurre il CLIL in modo più esteso, con tempi più dilatati, come suggeriscono gli stessi docenti, per portare più alunni possibile a sentirsi protagonisti di percorsi di successo.

Guelfs & Ghibellines

L’ultima esperienza si inserisce in un contesto più ampio di innovazione didattica e metodologica, nella cornice di un progetto che si propone di integrare la tecnologia nelle attività di classe con lo scopo di avvicinare i ragazzi in modo critico e consapevole alle risorse presenti su Internet, produrre contenuti, sviluppare la creatività e promuovere competenze sociali e digitali.

La tecnologia che ormai tutti abbiamo in tasca, in borsa o nello zaino, può infatti rivelarsi un valido aiuto al processo di apprendimento non solo nell’ambito di progetti di ampio respiro, ma anche in classe nelle attività quotidiane, o nelle uscite didattiche, per raccogliere, elaborare e trasformare quanto vissuto in conoscenza e approfondimento. L’uso dei dispositivi mobili permette la raccolta di materiale grezzo, che può essere facilmente elaborato per costruire delle fonti, costituire un punto di partenza per quella che viene definita da Paolo Bisogno una “documentazione generativa”, capace cioè di portare dei frutti, dei cambiamenti, degli effetti anche sul piano delle conoscenze.

Un buon modello di riferimento che permette agli alunni di raccogliere e organizzare le informazioni in modo efficace è quello delle 5 W, le 5 domande fondamentali del giornalismo anglosassone per strutturare il discorso e renderlo preciso e circostanziato. A partire dagli elementi chiave individuati gli alunni possono interpretare e capire, riflettere e rielaborare quanto vissuto ed esperito.

Avere dispositivi che consentono non solo di catturare un’immagine, ma anche di registrare un dialogo, una spiegazione, un passaggio che altrimenti potrebbero sfuggire diventa importante in modo particolare quando ciò che si vive riguarda una lingua straniera, che ha le sue regole e una pronuncia ben definita da ricordare.

L’hanno sperimentato i bambini di classe quinta della scuola primaria G.B. Ferrari di Ospedaletto Euganeo, impegnati in un’uscita didattica alla città murata di Montagnana con attività in lingua inglese. L’Associazione Murabilia, infatti, offre visite guidate in cui i partecipanti sono coinvolti in una sfida a squadre, proposta in inglese con la possibilità di concordare preventivamente lessico e forme linguistiche con gli insegnanti (http://www.montagnanamurabilia.it/attivita-didattiche.html).

La scoperta degli elementi della cittadina medievale si è svolta quindi come un duello fra fazioni nemiche, i Guelfs e i Ghibellines, che si sono contesi la conquista ideale dei punti strategici di Montagnana a suon di domande e risposte sulle tecniche di attacco e di difesa e sulla storia della città.

Cesaro - 7Figura 8 – Qualche immagine delle attività in aula.

Trasformati da spettatori passivi a protagonisti di una nuova esperienza di apprendimento, i bambini hanno ascoltato con interesse e motivazione per appropriarsi del lessico specifico in modo tale da poter interagire e guadagnare punti per la squadra utilizzando la lingua inglese.

Durante lo svolgimento delle attività, per fissare e ricordare i concetti presentati, è stata utilizzata un’app semplice e immediata, in questo caso Adobe Spark Video, per fotografare luoghi ed elementi architettonici, per registrare commenti audio e brevi filmati in modo da fissare non solo le emozioni e le sensazioni della giornata, ma anche i contenuti linguistici e la pronuncia corretta. Una volta tornati in classe, con l’aiuto dell’insegnante di inglese, sono stati aggiunte le narrazioni mancanti in modo da completare il reportage e condividerlo sul blog della scuola.

Avanti… il prossimo!

In tutti e tre i casi riportati, l’uso delle ICT si è dimostrato coinvolgente e motivante, ha permesso di documentare le attività, di dare modo di riflettere e rielaborare materiali disciplinari, di presentare contenuti e lavorare su concetti, dando allo stesso tempo l’opportunità di avvicinarsi in modo consapevole al mondo digitale.

Gli alunni ora possono non solo ritornare a distanza di tempo sulle proprie esperienze per riappropriarsi dei contenuti, ma anche rivedere in chiave migliorativa quanto realizzato, sviluppando competenze chiave e strategie di apprendimento. L’uso del digitale aiuta a proporre esperienze che coinvolgono maggiormente l’oralità, così importante alla scuola primaria. Le esperienze presentate sono facilmente trasferibili ad altri contesti ed argomenti. Gli strumenti digitali sono sempre più completi e più facili da utilizzare, potenziano gli ambienti di apprendimento e possono essere integrati con facilità crescente nella didattica quotidiana, dentro e fuori dalla classe.

L’abbinamento ancora molto spesso inedito nella scuola primaria fra la tecnologia e l’uso di una lingua diversa dalla lingua madre per imparare facilita il rinnovamento della didattica e il miglioramento dell’offerta formativa, motivando e coinvolgendo gli alunni e accompagnandoli a superare più facilmente quelle barriere linguistiche spesso viste come ostacoli.

Sempre più quindi, oltre al già ormai consolidato supporto dato dalla multimedialità e dalla multimodalità all’apprendimento linguistico, il CLIL può avvalersi di ambienti di apprendimento aumentati dalla tecnologia per documentare e produrre materiali, valore aggiunto per lo sviluppo di competenze non solo linguistiche e disciplinari, ma anche comunicative, partecipative, metodologiche e trasversali, fondamento delle competenze chiave di cittadinanza.

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons