La cardboard 3D

di Angela Gatti

Secondo Istituto Comprensivo Francavilla Fontana BR
Dirigente: Tiziano Fattizzo

gatti.angela@gmail.com

Scarica la versione PDF del lavoro

Realizzare uno strumento per vedere oltre la dimensione reale e sperimentare la realtà aumentata dalla tecnologia a costo zero? Noi in classe, una II primaria, ci abbiamo provato costruendo con materiale di risulta, cartone riciclato, tanta pazienza e creatività la “CARDBOARD GOOGLE 3D”, nuovo piccolo strumento che apre scenari inimmaginabili.. una vasta gamma di applicazioni didattiche nel campo delle Scienze, Arte, Astronomia…

Questa volta non parliamo dell’ultimo ritrovato tecnologico costosissimo e che rimpiangeremo di aver comprato, perché prestissimo sarà obsoleto. Stavolta parliamo di un oggetto che è tanto rudimentale quanto fantasticamente funzionale che si può costruire anche da sé. 
La Google Cardboard, una genialata del mondo moderno che racchiude nella sua esistenza l’essenzialità della tecnologia.
La forza della semplicità del cartone unita al massimo della tecnologia!!!

Gatti-2Figura 1 – Realizzazione della  Cardboard  con il template Google

Noi in classe, per fare un’esperienza tecno-didattica e multidisciplinare abbiamo provato a costruirla ricorrendo al template che lo stesso Google mette a disposizione e che permette, a chiunque abbia un minimo di praticità con forbici, carta e colla, di autocostruirsi un visore, inserendovi lo smartphone e guardando in apposite lenti, opportunamente sistemate al suo interno, e provare l’esperienza della Realtà Virtuale.
I bambini raccolti intorno al tavolo di lavoro, hanno assistito alle varie fasi del lavoro tecnico- pratico con grande interesse, entusiasmo e curiosità, sviluppando una specie di “forum” dove ognuno esprimeva la propria opinione o ipotesi sull’oggetto misterioso che si andava realizzando.
Tutti si sono avvicinati alla tesi plausibile, ed hanno dedotto che si trattasse di occhiali speciali di cartone per vedere video in 3D, poiché le nuove generazioni ne hanno già fatto esperienza in qualche cinematografo.

Ne è scaturita una lezione multicanale ed interdisciplinare. I bambini hanno prodotto prima un diagramma di flusso, indicando l’occorrente per realizzare il prodotto finale e le varie fasi di realizzazione; in seguito hanno ritagliato e ripiegato il template cartaceo e lo hanno incollato sulla pagina del proprio quaderno; hanno prodotto il testo dell’esperienza in classe; hanno disegnato la Cardboard tentando di fare le tre dimensioni anche nello spazio grafico del quaderno; ed infine, quando abbiamo assemblato i pezzi di cartone rigido ed abbiamo inserito lo smartphone con il filmato ,hanno potuto vivere l’effetto del loro prodotto, attraverso la visione di ambienti vari in 3D: fondali marini; un museo jurassico; la Tour Eiffel ed anche le montagne russe…
Insomma i bambini hanno avuto così la possibilità di visualizzare video a 360°, non solo in 3D statico ma anche con la possibilità di esplorare il luogo che si stava visualizzando, semplicemente muovendo la testa. Insomma uno strumento che ci ha consentito di accedere a contenuti tridimensionali e ad esperienze più vivide con l’ ausilio di una semplice scatola di origami di cartone.

Gatti-1Figura 2 – Esplorazione di ambienti 3D con Cardboard e smartphone

REALTÁ AUMENTATA 

Si sa che la Realtà Aumentata e le nuove tecnologie aprono nuovi scenari nella formazione e nella didattica con grandi potenzialità per l’apprendimento, rendendo il programma didattico più realistico e coinvolgente. 
Si aprono nuove opportunità non solo per le Scienze ma anche per l’arte, la didattica, la fruizione degli spazi museali. La realtà virtuale, l’ipermedialità, si fondono con i nuovi interessi dell’educazione, della costruzione della conoscenza e della creatività.

Ci si immerge in nuovi mondi da scoprire. Basta uno smartphone e un Google Cardboard e la VR è ora alla portata di tutti. E come sempre accade, questo apre la mente ed aiuta ad essere creativi. Uno strumento così può essere utilizzato in più modi e per scopi molteplici.
Proprio le Cardboard sono alla base di un progetto educativo di Google chiamato “Expeditions”. che fornisce set di visori alle classi, che poi dal proprio banco possono partire per “spedizioni” in tutto il mondo, immergendosi nelle città e nei fondali oceanici grazie a gite scolastiche virtuali guidate dall’insegnante con un tablet. 
Expeditions si rivolge al settore didattico: […] “darà la possibilità, tramite un’apposita app, ad un docente di controllare, tramite un tablet o un PC, in remoto i terminali posti all’interno dei visori degli studenti ed effettuare escursioni virtuali nei posti più remoti e incantevoli del nostro mondo.
L’insegnante sceglie un luogo da esplorare con il visore e tutti gli alunni della classe che indossano Cardboard possono intraprendere un viaggio virtuale (perfettamente sincronizzato) in quel luogo, conoscendolo dall’interno, in modo interattivo e stimolante. Una sorta di gita didattica senza lasciare l’aula…”
Il punto di forza di questo strumento sono gli accessori che Google stessa produce: i Cardboard, visori virtuali 3D che ci consentiranno di assistere a tutto in modalità realtà aumentata a 360° come se fossimo fisicamente lì, di assistere a mostre esclusive , visitare i musei lontanissimi e partecipare a concerti in totale tranquillità.

Lo sviluppo di queste tecnologie mira a creare una nuova esperienza visiva che permetta allo spettatore di entrare in un’immagine ed esplorarla dall’interno, di sentirsene circondato. La sensazione è quella di trovarsi di fronte a una nuova era della comunicazione.
Viene superato il meccanismo della fruizione del video che presuppone che si stia a guardare dall’esterno, qui invece si può esplorare il mondo virtuale dall’interno, da tutti i punti di vista, partecipare ed interagire .

MACROSCIENZA  SOTTO LA LENTE

Noi, nella nostra classe, ci stiamo avviando ad usare questo nuovo tipo di comunicazione.
Ed infatti non ci siamo fermati qui…

Visto che la realtà aumentata può definirsi uno “strato” di informazioni che si aggiungono alla percezione e alla visione del mondo attorno a noi, ci siamo muniti di un piccolo strumento, come una lente d’ingrandimento, che applicata allo smartphone, ci ha permesso di  osservare le meraviglie contenute negli orti box della scuola, fotografando le creature al loro interno e tutto quello che in quel momento la realtà, aumentata dal dispositivo, riusciva a catturare: foglie, insetti, coccinelle lumaca, vespa, cavalletta, bacche, polline, formichina , petali, rugiada ecc… che sono aumentati enormemente rivelando dettagli inediti.

Gatti-4Figura 3 – Rilevazione fotografica di presenza di peluria su una foglia e ingrandita dalla lente

È stata un’attività semplice che abbiamo chiamato ” MACROSCIENZA” poichè ,oltre a dilatare le conoscenze, sviluppa nei bambini l’amore per l’ambiente ed i diversi abitanti che lo popolano, restituendo quell’attenzione speciale al particolare che si va perdendo, con grande coinvolgimento sensoriale ed emotivo dei bambini, offrendo loro un’esperienza davvero significativa. La realtà virtuale, infatti, è una tecnologia in grado di amplificare l’empatia in modo davvero notevole, grazie anche alla possibilità  d’introdurre  in classe questi nuovi strumenti tecnologici semplici ed accessibili.
E proprio perché gli smartphone sono sempre con noi, che è facile immaginare quanto possano diventare veicoli di esperienza ed azioni di altre realtà aumentate simili.

Gatti-5Figura 4 – Rilevazione di particolari su fiori ed insetti ,ottenuta con il kit di lenti mobili

Anche per conoscere in maniera approfondita il corpo umano, abbiamo fatto uso della realtà aumentata, utilizzando un’App scaricabile sia su Android che su iOS, “Anatomy 3D” , corredata da schede stampabili su cui sono stati aggiunti punti (marker) che contengono informazioni o immagini; tali punti, inquadrati con la fotocamera, fanno emergere dallo schermo i vari apparati e sistemi del corpo umano nei minimi dettagli, coinvolgendo gli alunni come se il corpo fosse realmente presente e come se tutto, insomma, fosse vero e reale. Ed ancora l’App “The Brain AR”, che al touch delle dita separa i vari organi, visualizzabili in primo piano, da tutti i punti di vista.

Gatti-6Figura 5 – Il corpo umano con tutti i suoi apparati attraverso l’app Anatomy 3D

I bambini hanno spiegato, con le immagini interattive ed aumentate,  il corpo umano come si racconta uno storytelling, unendo scienza e fantasia.

OLOGRAMMI  MIXED REALITY

In classe abbiamo realizzato anche gli ologrammi.
È difficile dire se si tratta più di realtà aumentata o virtuale, poiché, da una parte sembrava essere immersi in quella realtà, dall’altra eravamo comunque in classe circondati dalla nostra realtà vera.

Un ologramma è la ricostruzione tridimensionale nello spazio di immagini di oggetti o esseri viventi. Noi abbiamo costruito un tronco di piramide rovesciata con materiale di plastica trasparente e,  prelevando delle immagini apposite da YouTube  sul tablet, queste  venivano proiettate sulle facce della piramide trasparente che le trasformava in ologrammi… istantaneamente le immagini si animavano  in 3D come nella realtà. Per questo  in classe abbiamo utilizzato gli ologrammi ai fini didattici: per osservare da vicino  gli elementi della natura come se fossero realmente presenti tra noi, in una nuova esperienza comunicativa molto forte e coinvolgente.  In questo modo i bambini hanno potuto osservare la medusa, i suoi tentacoli, il suo movimento, il guizzo dei pesciolini variopinti, la ninfea che si apriva, la terra girare, i pianeti e l’universo. Uno spettacolo di luci, colori e movimento.

Gatti-3Figura 6 – Ologramma della Terra riflessa nel tronco di piramide trasparente

Gli ologrammi sono a metà tra realtà virtuale e realtà aumentata. Sono mixed reality, perché sono integrati nel nostro mondo. Essi esistono e si muovono nella nostra dimensione, senza l’uso di occhiali speciali o Cardboard.

Si può così interagire virtualmente con la realtà che ci circonda, cioè ponendosi tra la realtà virtuale e quella aumentata. Le immagini all’occhio appaiono come ologrammi 3D mostrati nel contesto del mondo reale. 

In questo scenario si possono capire le implicazioni didattiche ed i risvolti dell’ apprendimento. Ciò che percepiamo come realtà è soltanto una tela dove noi possiamo dipingere sopra qualunque immagine vogliamo, rivista alla luce della teoria olografica della realtà.

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons