È nato Nextlearning

di Paola Limone

Insegnante di scuola primaria presso l’IC 66 Martiri di Grugliasco (To) e formatrice

paola .limone@gmail.com – http://spicchidilimone.blogspot.it/

Scarica la versione PDF del lavoro

Limone-1In occasione del Festival della didattica digitale che si è tenuto a Lucca dal 20 al 25 febbraio 2017 è stata presentata la piattaforma Nextlearning, uno spazio che ha come obiettivo quello di portare avanti una riflessione sulla didattica. Nextlearning è stato pensato e realizzato da un gruppo di insegnanti  ed è aperto al contributo di docenti e di chiunque abbia voglia di dare un contributo su temi legati alla didattica digitale e non, all’ innovazione inclusiva, alla cittadinanza attiva.

Fanno parte della redazione:

  • Alessandro Bencivenni, docente di ruolo nella scuola secondaria di 2° grado, formatore e blogger su ProfDigitale.com
  • Giuseppe Corsaro, docente di ruolo nella scuola secondaria di 1° grado, formatore, fondatore e amministratore del gruppo Fb  Insegnanti 2.0
  • Emiliano Onori, docente di ruolo nella scuola secondaria di 2° grado, formatore e autore del sito Design Didattico
  • Paolo Masini, docente di ruolo nella scuola secondaria di 2° grado, formatore e responsabile didattico del progetto UiBi (Ubiquitous Learning) della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.
  • Elisabetta Nanni, nata come insegnante di musica, è ora in utilizzo come formatrice Iprase delTrentino.
  • Roberto Sconocchini, docente di ruolo di scuola primaria, formatore e autore del sito Maestro Roberto
  • Gianfranco Marini, insegnante di ruolo nella scuola secondaria di 2° grado,  formatore, gestisce il blog  Aulablog

A distanza di pochi giorni dall’inaugurazione Nextlearning è già ricco di contributi interessanti, suddivisi nelle aree dedicate alla didattica, ai metodi e alla ricerca.

E’ previsto poi uno spazio per le startup, uno per i videotutorial e una sezione dedicata alla comparazione tra risorse didattiche.

Tra quelli letti ho trovato particolarmente interessanti:

  • l’intervista di Gianfranco Marini a Silvano Tagliagambe, autore del libro “Idea di scuola”,  in cui ci si chiede cosa sia l’educazione come dovrebbe essere la scuola di oggi, in un momento di innovazioni ma povero di riflessioni su di esse.
  • l’articolo di Alessandro Bencivenni in cui racconta La vera storia del rabbino che ha fatto sparire il dispositivo e ha fatto riapparire il metodo. Una frase rilasciata concentra il senso del suo lavoro: “Il trucco è concentrarsi su ciò che la tecnologia che abbiamo a disposizione hic et nunc ci permette di fare. L’importante è che sia qualcosa di più grande ed importante rispetto a ciò che potremmo realizzare senza di essa. Una volta capito questo saremo in grado di guardare oltre i singoli dispositivi (che siano questi iPad, tablet o notebooks) e riusciremo a vedere qualcosa di decisamente più importante: gli obiettivi che ci eravamo dati come docenti.”
  • Instructional Design, Pedagogia e Multimedia, articolo di Emiliano Onori che invita a riflettere in modo intellettualmente onesto sul nostro far scuola immersi in un mondo digitale. Perché “Usare le tecnologie didattiche senza cognizione di Instructional designer vuol dire fare novità e non innovazione

Per contatti

Via della Pina d’Oro
57122 Livorno LI
t. +39 0574 5317
info@nextlearning.it

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons