La formazione degli Animatori Digitali del Piemonte: un modello di formazione docenti sostenibile per il rinnovamento della didattica mediata dalle nuove tecnologie

di Maria Stella Perrone

Docente di Matematica presso IIS “A. Castigliano” – ASTI

stella.perrone@ipsiacastigliano.it

Scarica la versione PDF del lavoro

Abstract

Il tema della formazione dei docenti è di attualità nel percorso intrapreso dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR) di diffusione del nuovo Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD), una vera rivoluzione di sistema che ha allertato tutte le scuole dall’anno scolastico 2015-16 e ha introdotto in ogni istituzione scolastica una figura strategica: l’Animatore Digitale (AD).

L’animatore digitale di ogni scuola è stato inserito in attività di formazione affinché potesse meglio conoscere le finalità del proprio ruolo, condividere idee innovative in una nascente comunità di pratica, promuovere il cambiamento, organizzare momenti di formazione sostenibili ed efficaci nella realtà della propria scuola. Troppo spesso i docenti sono stati reclutati e catapultati in classe senza alcuna indicazione didattico-pedagogica come se per insegnare fossero sufficienti competenze prettamente disciplinari. Lo stesso errore viene commesso nell’introduzione delle nuove tecnologie nella didattica pensando che basti una Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) o un tablet in aula per affermare di “fare didattica con le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC)”. Quale formazione sostenibile per un reale rinnovo nelle pratiche didattiche? Quali consigli fornire ai docenti che si approcciano per la prima volta con le nuove tecnologie in classe? Quali strategie per superare ostacoli e resistenze al cambiamento? Il contributo intende rispondere alle domande partendo dall’esperienza di formazione degli Animatori Digitali Piemonte che ho seguito a partire dalle fasi di progettazione nell’ambito della rete di scuole Associazione Dschola che per il Piemonte ha presentato la proposta formativa e ne ha curato le diversi fasi attuative. Responsabili di progetto sono  Dario Zucchini, docente dell’IIS “Majorana” di Grugliasco (TO) e Mauro Ferilli, docente dell’IIS “Peano” di Torino.

Profilo degli animatori digitali e livello tecnologico delle scuole

Il percorso formativo seguito in veste di formatore nella provincia di Alessandria, corsista e responsabile organizzativo nella provincia di Asti, ha rappresentato l’occasione per incontrare un campione significativo di insegnanti AD, fondamentale per avere un quadro di riferimento del rapporto tra docenti e nuove tecnologie e delle esperienze significative già in atto nelle scuole. Non è stato facile progettare un percorso formativo per AD, avendo di fronte corsisti con esperienze professionali così diversificate. Non esiste un modello di formazione unico per tutti i docenti; come ogni studente richiederebbe un apprendimento personalizzato, così non esiste una ricetta ideale che consenta ad un docente di diventare “digitale” o di diventare il “promotore del digitale”. Ognuno dovrebbe seguire un approccio diverso traendo da linee guida, spunti didattici, suggerimenti ed esperienze di buone pratiche quanto può essere adattato alla propria realtà e alle risorse che ha disposizione. Per migliorare un qualunque sistema o una qualunque didattica è necessario conoscere la situazione di partenza per poter intervenire negli elementi di criticità.

A tale scopo lo screening effettuato sugli AD (un campione di 548 AD) e sulle scuole ad essi afferenti ha consentito di mettere in luce il profilo dei corsisti e le maggiori criticità segnalate di ostacolo al cambiamento. Gli AD del Piemonte monitorati hanno un’età anagrafica con maggiore concentrazione tra i 36 e i 46 anni (vedi grafico), nel 63% dei casi utilizzano sempre le TIC nella didattica (vedi) e nell’89% dei casi hanno creato contenuti didattici digitali (vedi) (CDD).

Gli animatori denunciano però un utilizzo limitato delle nuove tecnologie nella didattica da parte dei docenti in generale. Le cause di un tale uso limitato vanno ricercate in più direzioni; sicuramente incidono la motivazione del docente, l’esperienza pregressa, le proprie abitudini consolidate, ma anche il livello tecnologico delle scuole, la policy interna di utilizzo delle TIC, le occasioni di formazione specifica ed efficace che incoraggino il docente a modificare il proprio stile di insegnamento. Gli insegnanti devono trovare stimoli significativi per modificare una pratica didattica.

Costanti i momenti di riflessione collettiva in aula con gli AD per identificare il vero significato di “innovazione”. Il concetto di “pratica innovativa” è spesso frainteso e diventa semplicemente sinonimo di “sviluppo di competenze tecnicistiche”. Adottare nuovi scenari in classe, utilizzare nuovi strumenti e ambienti di apprendimento non sono sufficienti per garantire una vera innovazione se non viene inserita in un quadro culturale di riferimento che sia di orientamento per studenti e docenti. In un ventaglio di possibilità ogni docente dovrà scegliere quella più congeniale per il proprio contesto di riferimento e per le risorse disponibili.

Conoscere la precisa identità tecnologica delle scuole è il presupposto per il cambiamento. I docenti che ho incontrato hanno nella quasi totalità riferito di scuole non attrezzate, di impossibilità reale di accesso all’unica LIM o all’unico laboratorio. In tale quadro di riferimento è importante far superare l’inevitabile scetticismo dimostrando che, se da un lato la presenza di adeguata infrastruttura è la essenziale per consentire l’introduzione delle TIC nella didattica, dall’altro un docente può iniziare a sperimentare con poco e per passi successivi, sfruttando in modo opportuno le risorse che ha a disposizione.

La situazione delle scuole italiane non si distingue per innovazione; le carenze segnalate dagli AD in formazione sono tangibili e rispecchiano una realtà rimasta congelata a causa di insufficienti investimenti nel settore dell’istruzione, indispensabili per la crescita di una nazione. Le scuole sono state dotate di strumenti tecnologici in modo piuttosto casuale e isolato, senza consentire una ottimizzazione delle risorse esistenti ed una reale politica di investimento a medio e lungo termine. La scarsa attenzione alla infrastruttura di rete ha generato una situazione di stallo: da una parte lo sviluppo di un buon numero di applicazioni per la didattica, di ambienti di apprendimento online anche di valenza culturale notevole consentirebbero un rinnovamento delle pratiche educative, dall’altra il reale utilizzo in classe è bloccato a causa di infrastruttura di base inadeguata non supportata da connessioni Wi-Fi stabili e di  banda larga sufficiente per la fruizione dei contenuti della rete.

La situazione riferita dagli AD in formazione risulta confermata dallo screening effettuato sulle scuole del Piemonte ad opera degli stessi AD e presentato durante l’incontro organizzato dal MIUR al 16 maggio 2016 in occasione del Salone del Libro di Torino. Dai dati raccolti da Associazione Dschola emerge una situazione di dotazioni tecnologiche nelle scuole insufficiente e non supportata da adeguata manutenzione per consentire un reale cambiamento.

Le immagini sotto proposte indicano alcuni dati significativi su un campione di circa 350 scuole monitorate.

perrone-1Figura 1 – Aule senza tecnologia

perrone-2Figura 2 – Numero di laboratori (833 su 343 scuole) e percentuale di laboratori funzionanti.

perrone-3Figura 3 – Dotazione tecnologica delle scuole

perrone-4Figura 4 – Adozione di filtro di navigazione

perrone-5Figura 5 – Scuole dotate di Wireless Campus

perrone-6Figura 6 – Scuole che intendono adottare il BYOD

perrone-7Figura 7 – Scuole che hanno adozioni digitali

I dati riflettono criticità riguardo agli spazi non dotati di tecnologia (51%) e sul fronte della gestione dei laboratori. Il 52% delle scuole del campione non ha un wireless campus e il 53% di scuole non ha adottato alcun filtro di protezione nella navigazione. Tali valori compromettono l’efficacia di pratiche didattiche innovative quali per esempio l’adozione del BYOD, desiderio di sperimentazione dichiarato dal 57% di animatori digitali. Le adozioni di testi digitali sono ancora in numero insufficiente, anche a causa delle difficoltà delle case editrici di utilizzo di piattaforme uniche, leggere ed interoperabili.

La funzionalità tecnologica delle scuole è affidata al volontariato di docenti competenti, ad assistenti tecnici laddove presenti, oppure a manutenzione da parte di ditte esterne che, oltre a rappresentare un costo notevole per le scuole, sono spesso distanti da una logica organizzativa che tenga conto dell’ottimizzazione delle risorse e delle esigenze didattiche.

I dati MIUR inseriti nel PNSD non si discostano da quanto osservato: sono 326.000 le aule degli oltre 33.000 plessi scolastici “attivi”: il 70% è connessa in Rete in modalità cablata o wireless (ma generalmente con una connessione inadatta alla didattica digitale), il 41,9% è dotata di LIM e il 6,1% di proiettore interattivo. E’ auspicabile che i recenti bandi di finanziamento PON proposti alle scuole abbiano potenziato l’infrastruttura di rete e gli ambienti digitali.

Modello formativo proposto

Uno spazio web dedicato, Animatori Digitali Piemonte, ha rappresentato il canale di comunicazione con i circa 600 AD coinvolti nella formazione provenienti da tutte le scuole del Piemonte. Lo spazio condiviso ha messo a disposizione di tutte le scuole: informazioni, materiale formativo e informativo, sportello help di risposta a dubbi e problematiche tecniche e/o metodologiche.

Sono stati, inoltre, organizzati workshop territoriali, in collaborazione con i partner della formazione (Assoedu, CineEduMedia, Università degli Studi di Torino, CSP, Fondazione Mondo Digitale-Roma), aperti non solo agli AD ma a tutti i docenti del territorio piemontese che informassero rispetto alle azioni del PNSD e sviluppassero momenti di dibattito collettivo su temi importanti quali: Cultura digitale, Il ruolo dell’Animatore Digitale, Libri digitali.

Cultura digitale: la scuola ai tempi dei social network” è l’evento di inaugurazione della rete di formazione AD Piemonte che si è svolto al 18/02/2016 presso l’IIS “Majorana” di Grugliasco (TO).

perrone-8Figura 8 – Animatori Digitali Piemonte – 18/02/2016

Ventidue le ore di formazione erogate nelle 13 scuole della rete Dschola che sono state sedi di formazione; tutti reperibili on-line i materiali della formazione.

Metodologie e strategie didattiche proposte in occasione della formazione

L’approccio formativo in una situazione di segnalazione di carenze strutturali deve puntare a sciogliere il legittimo iniziale scetticismo dei docenti dimostrando come sia comunque possibile il cambiamento anche in presenza di ostacoli e risorse insufficienti.

Non si può ignorare che la rivoluzione tecnologica ci coinvolga prima di tutto come cittadini, non si può ignorare che la nostra utenza siano i nativi digitali, ragazzi nati con  cellulare/smartphone nella culla, sempre connessi e abituati ad un nuovo modo di comunicare del quale dobbiamo prendere atto.

Il modello didattico trasmissivo non è più adeguato nella scuola di oggi ma adottare una “didattica innovativa” significa essere disponibili al cambiamento, avere un atteggiamento di ricerca permanente da parte di tutti i protagonisti del mondo della scuola: allievi, famiglie, docenti, dirigente scolastico.

Esistono diversi modelli per l’integrazione degli strumenti tecnologici in classe e ogni insegnante potrà adottare quello più congeniale al proprio contesto. Innovazione è voglia di sperimentare, accettare sempre nuove sfide, trasmettere entusiasmo, collaborazione, diffondere e condividere le buone pratiche, apertura al territorio, progettualità, formazione permanente.

Il reale cambiamento è una didattica che metta lo studente al centro del proprio apprendimento. Il compito del docente non è trasmettere contenuti, ma suscitare interesse, passione, curiosità, formare cittadini consapevoli, sviluppando capacità logiche, di analisi e di sintesi. Dotare ogni studente di un tablet richiede solo un investimento finanziario, renderlo protagonista del proprio apprendimento attraverso l’adozione di pratiche didattiche che lo facciano sentire importante, che gli diano un ruolo attivo alla ricerca del proprio bisogno, rappresenta una vera sfida. Le tecnologie saranno lo strumento che favorirà il cambiamento, promuovendo un insegnamento creativo e innovativo: la scuola vissuta come gioco e come problem solving. I docenti temono di non essere in grado di utilizzare le TIC pensando di dover sviluppare competenze tecnicistiche elevate prima della sperimentazione in classe. L’utilizzo di app, tool, ambienti di apprendimento interoperabili e di facile uso potrà servire a sciogliere le ultime resistenze. Il ruolo dello studente protagonista sarà strategico per lo sviluppo di attività progettuali che dovranno favorire momenti di peer-education e cooperative learning per consentire la personalizzazione del percorso di apprendimento per ogni studente, favorendo l’integrazione naturale di tutti i ragazzi, anche degli studenti con bisogni educativi speciali.

Agli AD in formazione è stato suggerito che una buona strategia organizzativa e metodologica dovrà prevedere:

  • una corretta ed efficace policy di istituto di utilizzo e manutenzione della attrezzature tecnologiche;
  • il privilegio di didattica project based con il coinvolgimento di più discipline curricolari in un lavoro collaborativo atto al raggiungimento di obiettivi comuni;
  • il superamento dello spazio-tempo scuola;
  • il superamento della scansione oraria settimanale disciplinare, favorendo una flessibilità organizzativa che preveda campus di intere mattinate dedicate ad attività progettuali;
  • l’utilizzo di software webware per favorire pratiche strategiche e sostenibilità della manutenzione tecnologica degli strumenti;
  • l’adozione di nuove modalità di valutazione degli apprendimenti ricorrendo ad osservazioni sistematiche che tengano conto non solo del risultato ma dell’intero processo di apprendimento;
  • passione, entusiasmo nell’utilizzo delle nuove tecnologie quale facilitatore per arrivare al sapere.

I docenti che si approcciano alle TIC hanno bisogno di un’idea di reale percorso didattico con le nuove tecnologie; fornire loro i risultati di un’attività progettuale supportata dalla documentazione delle fasi del percorso e dei risultati di apprendimento è essenziale per suscitare interesse, indicare un punto di partenza e sciogliere le riserve inevitabili verso un mondo completamente nuovo.  

perrone-9Figura 9 – AD in durante un momento di formazione – IIS “Majorana” – Grugliasco (TO)

La domanda più ricorrente durante la formazione degli AD è stata: “Possiamo vedere un esempio pratico? Un esempio da proporre ai docenti”.  E ancora altre domande legittime:  “Da dove partiamo? Quali strumenti possiamo proporre? Come documentare un percorso didattico?”. La prima risposta a tutte le domande è molto semplice: si parte da un’idea. L’idea è da intendersi in senso lato, può essere un progetto al quale la scuola ha aderito, un tema di discussione in classe, la soluzione di un problema che coinvolge la comunità scolastica. Dall’idea si passa alla metodologia che comprenderà anche una riflessione sulla tecnologia da utilizzare, funzionale agli obiettivi, al proprio contesto di riferimento, alle iniziali aspettative di cambiamento. Agli AD in formazione sono stati forniti esempi concreti, materiali spendibili nel tempo e un dizionario di didattica metodologica con l’utilizzo delle tecnologie, una mappa in continuo aggiornamento che possa servire da manuale orientativo.

E’ stata suggerita una strategia metodologia progressiva, coinvolgendo lo studente nell’esplorazione di nuove risorse, app, tool, sapendo implementare una comunità di apprendimento dove il sapere risulti condiviso da studenti e docenti in un luogo preposto alla creazione di risorse comuni.

Valutazione ed efficacia della formazione

Una prima valutazione della formazione può essere effettuata dai risultati di soddisfazione proposti al termine delle attività.

Prendo in esame i risultati del corso che ho seguito totalmente dal punto di vista gestionale e organizzativo per la Provincia di Asti (23 Animatori Digitali campionati).

Indicatore di monitoraggio  e link al grafico

Formazione Animatori Digitali Piemonte – Corso 2827 – ASTI

(campione 23 AD)

LINK GRAFICI

% risultato

Molto positivo o Positivo

Corso ASTI – 2827

Organizzazione del corso 95,5%
Livello di accoglienza e dotazione tecnologica della sede preposta alla formazione 95,4%
Utilità delle tematiche trattate per il proprio profilo 82%
Preparazione dei formatori 100%
Efficacia del metodo trasmissivo 90,8%
Qualità dei materiali formativi utilizzati 82,8%
Valutazione complessiva della formazione 90,8%

I dati generali di valutazione della formazione sul campione di 548 AD formati non si discostano molto da quelli della Provincia di Asti ed esprimono una feedback positivo riguardo all’esperienza.

L’efficacia della formazione possiamo misurarla nel breve e nel lungo periodo. I docenti inseriti nel percorso hanno avuto la possibilità di creare una comunità di pratica che consentisse lo scambio di esperienze, l’inizio di un’attività di collaborazione fondamentale per la crescita di tutte le scuole. I docenti hanno ricevuto lo stimolo per portare l’innovazione nella propria realtà, con la consapevolezza che si possono usare le tecnologie nella didattica anche con pochi strumenti.

Il desiderio di continuità e di collaborazione nella comunità di apprendimento rappresenta uno dei punti di forza della formazione.

Una formazione efficace non può esaurirsi in aula, ma necessita di spazi e canali comunicativi che consentano collaborazione, condivisione e apprendimento lungo l’intero arco della vita. Gli AD sono stati sollecitati a documentare le esperienze didattiche e ad invitare a tale pratica anche tutti i docenti afferenti alla propria istituzione scolastica.

Documentare la didattica rappresenta una fase irrinunciabile per riflettere sul percorso intrapreso ed attuare un processo di autovalutazione e di rielaborazione, condizione irrinunciabile per il rinnovamento. La documentazione del proprio percorso progettuale si raffigura come un momento importante del processo formativo di un docente e un potente strumento di comunicazione e di condivisione delle buone pratiche a vantaggio di tutti gli stakeholder. Una formazione sostenibile per i docenti, ma in particolare per gli AD, deve tendere:

  • alla diffusione delle buone pratiche;
  • a far crescere il know-how delle scuole;
  • a rendere le scuole autonome nella gestione delle tecnologie, riducendo i costi di manutenzione dei laboratori;
  • a favorire le condizioni infrastrutturali e culturali per poter replicare e diffondere l’esperienza dalla singola classe a tutta la scuola;
  • a interventi di formazione permanente a causa dello sviluppo tecnologico repentino e del turn over del personale.

La forza della rete

L’isolamento dei docenti genera alienazione e spesso conduce ad abbandonare pratiche didattiche innovative se non si creano le condizioni di nuovi stimoli e nuovi momenti di confronto e di rinnovamento. La reale crescita non solo degli AD ma delle scuole nella loro complessità sta nelle forza della rete e nella capacità di stringere alleanze sul territorio.

Un’associazione come Dschola che ha progettato e realizzato la formazione degli Animatori Digitali del Piemonte, ha avuto il merito di proporre alle scuole, da oltre quindici anni soluzioni tecnologiche innovative a basso costo e pratiche didattiche che ora fanno parte delle azioni del PNSD. L’associazione rappresenta una forza del territorio piemontese, un raro caso di sinergia di scuole al servizio del territorio, impegnate da 15 anni nel campo della ricerca metodologica di utilizzo delle TIC nella didattica.  I centri della comunità Dschola sono Istituti scolastici che, grazie alla loro significativa esperienza nell’uso delle TIC in ambito scolastico e nella sperimentazione in campo didattico, sono stati indicati nel 2001 dalla Direzione Scolastica Regionale del Piemonte e dalla Sovrintendenza della Valle d’Aosta per svolgere una funzione di riferimento e di laboratorio sul territorio regionale. I Centri sono nati come CSAS (Centri di Servizio Animazione Sperimentazione), scuole che dispongono dei requisiti tecnici ed organizzativi tali da svolgere una funzione di riferimento per gli aspetti tecnologici sul territorio, per l’analisi e la realizzazione di processi di innovazione nell’ambito scolastico; scuole che possono contribuire allo sviluppo di metodi, sistemi e contenuti innovativi. Gli istituti della rete diffondono le proprie esperienze di eccellenza didattica attraverso l’organizzazione di eventi quali convegni, seminari e workshop. In base alle migliori esperienze sviluppate da ciascun Istituto è richiesto allo stesso di coordinare le attività per il trasferimento di competenze organizzative, didattiche e tecnologiche a favore di altre scuole della regione.

Conclusioni

La formazione degli Animatori Digitali ha messo in luce le esigenze di rinnovamento delle scuole e ha consentito la nascita di una comunità di apprendimento che si renda protagonista del cambiamento. Una formazione sostenibile per i docenti deve partire dal presupposto che, la “scuola digitale” non è un’altra scuola, ma è più concretamente la sfida dell’innovazione della scuola. Nello stesso tempo è necessario far comprendere agli insegnanti che è necessario ottimizzare spazi, tempi e risorse disponibili per attrarne di nuove, facendo attenzione che il rinnovamento degli ambienti di apprendimento va ben progettato e supportato dal confronto e dalla collaborazione tra le scuole. Obiettivo primario della formazione è lo studente, la sua partecipazione attiva al proprio processo di apprendimento, mediato dall’utilizzo delle tecnologie. Gli studenti, utenti consapevoli di ambienti e strumenti digitali, dovranno diventare produttori, creatori, progettisti. Per quanto riguarda le competenze digitali, i docenti dovranno essere messi nelle giuste condizioni per agire come facilitatori di percorsi didattici innovativi basati su contenuti più familiari per i loro studenti.

La comunità di pratica degli AD rappresenta una risorsa per le scuole, impegnate a rincorrere bandi e progetti che il MIUR propone dall’a.s. 2015-16 sulle tematiche del PNSD ad una velocità non sostenibile in solitudine dai docenti delle istituzioni scolastiche e soprattutto dagli AD. La prossima formazione per gli AD inserita nell’ambito dei progetti FSE PON – Azione 10.8.4.A1 sarà l’occasione per monitorare lo stato di attuazione del PNSD e mettere in atto azioni formative laboratoriali di approfondimento, riferibili al contesto specifico di ogni AD.

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons