E-SpeRiDi – Moodle e ScribaEpub nel corso di formazione per Animatori Digitali

di Nuccia Silvana Pirruccello e Gianluca Tramontana

Istituto Superiore Vittorini – Lentini (SR ) staff ScribaEpub

ad.liceovittorini@gmail.com

Scarica la versione PDF del lavoro

Questo contributo tratta di un work in progress iniziato lo scorso Marzo in piattaforma www.animatoridigitalisicilia.it , proseguito con lezioni in presenza al liceo Spedalieri di Catania nei mesi di Maggio e Giugno a cura della docente formatrice e dell’amministratore di ScribaEpub ed EspeRiDi Moodle su quattro moduli:OER and Digital Storytelling, Mobile Learning and BYOD, LCMS in E-SpeRiDi con eBook design in ScribaEpub, Coding. I partecipanti hanno elaborato eBook condivisi nella biblioteca di ScribaEpub inerenti percorsi di apprendimento e moduli di didattica digitale da valutare e inserire nel piano dell’offerta formativa triennale delle loro scuole di appartenenza.

Introduzione

Le vere sfide per la formazione degli AD vanno al di là della semplice conoscenza degli strumenti per produrre didattica digitale e si declinano, di volta in volta, nella capacità di motivare tutti gli operatori della scuola ad agire in funzione dell’innovazione digitale. L’Animatore Digitale all’interno della propria scuola dovrebbe avere il ruolo innanzitutto di motivatore e facilitatore, di un collega che segua passo dopo passo i propri colleghi per assisterli e per fissare, assieme a loro, obiettivi condivisi, anche assumendo su se stesso un carico di lavoro superiore, utile ad esercitare la propria leadership.

L’eBook è un resoconto di attività di didattica digitale realizzate da gennaio a maggio 2016 al Liceo Vittorini di Lentini (SR) sulla base di una micro progettazione condivisa,  in ore di compresenza dell’AD con i docenti che ne hanno fatto richiesta nelle loro classi.

La flessibilità nella gestione del tempo scuola e la percezione di una didattica digitale perfettamente integrata con la didattica quotidiana ha fatto la differenza, rispetto ai quei corsi strutturati in orario aggiuntivo e con criteri ‘one model fits all’.

Come comunicare con efficacia questa scelta di campo ai colleghi AD da formare?

Gli ostacoli da superare per la docente formatrice degli AD, che ha assunto su di sé le sfide di cui sopra perché al contempo AD lei stessa nella propria scuola di appartenenza, sono stati l’esiguità delle ore in presenza, tre ore per ciascuno dei quattro moduli per un totale di 12 ore, e l’alto rischio di frammentazione del feedback dei partecipanti appartenenti a diversi ordini di scuola: dalla scuola dell’infanzia alla secondaria superiore di secondo grado. Il corso in presenza é stato quindi integrato con un corso su E-SperiDi Moodle che consentisse ai corsisti di operare in piccoli gruppi, in qualità di docenti creatori di corso, al fine di realizzare un prototipo di corso blended per le loro scuole di appartenenza con la possibilità di incorporare su Moodle, perché perfettamente tracciabili, tutti gli eBook prodotti su ScribaEpub come materiali di studio.

I due ambienti di apprendimento hanno inoltre offerto ai partecipanti l’opportunità di creare una comunità di pratica che rimane attiva anche a conclusione del corso e i cui materiali possono essere condivisi nelle scuole con altri docenti e con i propri studenti.

OER and Digital Storytelling

Prima di accingersi a creare i propri Digital Storytelling (DSt) e scegliere i tools più adeguati alle loro esigenze didattiche, i partecipanti  ne hanno analizzati alcuni in gruppo, applicando i parametri di un modulo google i cui risultati sono mostrati in alcune schermate della figura 1.

pirruccello-1Figura 1 – Screenshot da un modulo Google usato nel lavoro di gruppo sul Digital Storytelling

Lo svolgimento di questo primo modulo è stato inoltre supportato da due eBook: Storytelling e Storymaking che hanno consentito agli AD di condividerne la metodologia.

L’eBook sullo Storymaking si rivolge a docenti di scuola primaria ed offre suggerimenti per progettare attività in presenza propedeutiche alla strutturazione di esperienze digitali.

L’eBook sullo Storytelling contiene suggerimenti su come alimentare creatività e pensiero laterale (E. De Bono 2009). Un approccio narrativo caratterizza l’eBook sia per introdurre il concetto dell’editing crossmediale (Giovagnoli, 2010) che per far riflettere sul contributo della Suggestopedia presentata attraverso la tecnica dell’elefante suggestopedico (Fletcher, 2002).

L’importanza delle Open Educational Resorces é stata introdotta dopo la lettura del seguente articolo: Open Educational Resources e comunità virtuali: riflessioni su un’esperienza, di Antonio Fini, Andreas Formiconi, Alessandro Giorni, Nuccia Silvana Pirruccello, Elisa Spadavecchia, Emanuela Zibordi:

Abstract

Nell’autunno 2007 David Wiley, professore alla Utah State University, ha tenuto un corso universitario dedicato alla Open Education. Quest’anno però il corso del prof. Wiley è stato seguito da un gruppo di studenti piuttosto insolito. L’edizione Fall 2007 del corso, infatti, è stata resa disponibile a chiunque, gratuitamente, in tutto il mondo. Il solo requisito richiesto era disporre di un blog per la stesura dei compiti settimanali. Il presente contributo, i cui autori hanno partecipato al corso completandolo con successo, è un resoconto dell’esperienza svolta: essa è stata innovativa sotto molti punti di vista e può essere considerata un esempio di come il mondo dell’educazione formale può incontrare quello dell’informale, nel quadro più ampio dell’aggiornamento professionale e del lifelong learning. http://www.je-lks.org/ojs/index.php/Je-LKS_IT/article/view/179/174

BYOD e LCMS

Questo secondo modulo é stato progettato per consentire ai partecipanti di lavorare in gruppo sia per la costruzione real time di eBook dal proprio tablet su piattaforma ScribaEpub, che per la costruzione condivisa di corsi blended su Moodle, piattaforma su cui gli AD lavorano già ma con il ruolo di studenti.  E-SpeRiDi Moodle ci ha consentito di dividere i partecipanti in tre gruppi con il ruolo di creatori di corso su Moduli di Storytellling Sicily, CLIL e Media Education.

Lo svolgimento del modulo é stato supportato dall’eBook Moodle per docenti creatori di corso:

Sono stati implementati tre corsi completi di risorse, attività e compiti autentici.

pirruccello-2Figura 2 – Screenshots dal Modulo sugli Ambienti di Apprendimento

Storytelling Sicily

  • Comprendere la vera ragione per cui le storie hanno un grande potenziale educativo.  
  • Comprendere la differenza tra storie di carattere nozionistico informativo e narrativo.
  • Comprendere come lo Storytelling faccia percepire il reale attraverso l’emozione e l’immaginazione.
  • Connettersi con se stessi, gli altri e un futuro auspicabile.
  • Condividere storie del patrimonio culturale e della tradizione siciliana.
  • Essere in grado di strutturare e raccontare storie con il Digital Storytelling.
  • Creare storytelling e-book in ScribaEpub.

pirruccello-3Figura 3 – Screenshots dal prototipo di corso su Storytelling Sicily

CLIL Modules

A supporto dei moduli CLIL sono stati messi a disposizione degli AD due eBook interattivi sulla metodologia incorporati come risorsa e perciò tracciabili in Moodle, eCLIL 1 e 2, al fine di guidare gli AD step by step dalla progettazione della lezione CLIL alla valutazione.

La schermata sottostante mostra due prototipi di corsi CLIL: uno per la scuola primaria e uno per la secondaria di primo grado con i relativi commenti della tutor.

pirruccello-4Figura 4 – Screenshots dai Moduli CLIL su E-SpeRiDi Moodle

Moduli di Media Education

Il prototipo di eBook messo a disposizione degli AD, come introduzione alla progettazione di moduli di Media Education, presenta alcuni video-clip come strumenti di persuasione efficace che adottano la retorica audio-visiva.

Vengono definiti i metodi di persuasione della retorica classica e le principali figure retoriche alla luce delle più recenti teorie semiotiche, anche attraverso esempi di messaggi utilizzati all’interno delle campagne di sensibilizzazione sociale. L’eBook presenta anche attività in cui i partecipanti sono guidati ad individuare metodi di persuasione e figure retoriche in ciascuna delle video-clip, la cui analisi è propedeutica alla progettazione di simili video-clip di pubblicità progresso.

La schermata mostra tre screenshot da altrettanti corsi implementati su E-SpeRiDi dagli AD. Il primo in alto é impostato in modo tradizionale a cominciare dall’origine della stampa mobile ed é corredato di attività per studenti di scuola Media, gli altri due, sui pericoli della rete e dei social network, presentano attività  per studenti dai 14 ai 18 anni.

pirruccello-5Figura 5 – Screenshots dai Moduli di Media Education su E-SpeRiDi Moodle

La Biblioteca di ScribaEpub

La piattaforma www.animatoridigitalisicilia.it presenta tutti i webinar e gli interventi formativi degli esperti in modalita OER.

Un significativo supporto a questa scelta è stata senza dubbio la produzione e condivisione di eBook su ScribaEpub, la cui biblioteca può essere considerata fonte di eBook generativi pubblicati in self publishing nel rispetto delle regole.

Infatti, conclusa la fase di editing, l’autore o gli autori dell’eBook possono:

  • Esportarlo in formato EPUB 3.0, fare l’embedding sulla piattaforma Moodle per il tracciamento, condividerlo via mail, sui social network o qualsiasi canale web.
  • Pubblicarlo in biblioteca per metterlo a disposizione della comunità degli utenti, che possono a loro volta, lasciare commenti sull’eBook di cui l’autore riceve notifica via mail.

Un modulo GOOGLE è stato predisposto per ottenere un feedback degli Animatori Digitali sugli eBook funzionali al CORSO del Liceo Spedalieri CODICE 3358

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSf3eXQctED9pgpBht-PeuEGZs98niGSH3uJv8a7yJ7ZeIdDew/viewform

Si riporta in appendice una scheda di valutazione degli eBook e il link alla guida ufficiale: http://www.scribaepub.info/reader/play/613-guida-ufficiale-di-scribaepub.html

pirruccello-tabella1 pirruccello-tabella2 pirruccello-tabella3

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons