Social media e didattica delle lingue moderne: Edmodo

di Paolo Nitti

Politecnico di Torino
paolo.nitti@virgilio.it

scarica la versione PDF del lavoro

Un assunto di base della glottodidattica contemporanea è il fatto che l’apprendimento formalizzato incontra sempre di più forme differenti di apprendimento informale.
Se si impara sempre e comunque all’interno di contesti comunicativi – nel momento in cui avviene uno scambio di informazioni – la didattica delle lingue non può trascurare ciò che accade al di fuori dell’aula.
Una risposta all’esigenza di strutturazione dell’apprendimento informale da parte delle TIC è la piattaforma Edmodo, strutturata per molti aspetti come le reti comuni di socialnetworking, in modo da essere intuitiva e familiare ai corsisti e ai docenti.

A prima vista, Edmodo sembra ricalcare Facebook, ma differisce notevolmente per quanto concerne la ratio concettuale che lo contraddistingue.
Edmodo è una piattaforma sicura e blindata alla quale possono accedere docenti, studenti, amministrativi e, in caso di studenti minorenni, famigliari.
Il docente accede a Edmodo, validando la propria identità attraverso modalità di riconoscimento sicure che ne verifichino le generalità. Successivamente, gli insegnanti creano i gruppi di lavoro e Edmodo genera una password per tutti i fruitori. I docenti a questo punto forniscono la password e il nome del gruppo agli utenti che possono così accedere. Se la piattaforma non viene chiusa direttamente dal docente, entro 14 giorni provvede Edmodo stesso; la sicurezza è una priorità.
All’interno della piattaforma è possibile lavorare operando scelte differenti; si possono caricare materiali, collegamenti a siti internet, fotografie, filmati e file audio. Ciascun fruitore, se approvato, può inserire domande, annunci e commenti rivolti verso contenuti già pubblicati o inserire nuovi post.
Molti studenti domandano quali siano le differenze fra Edmodo e Facebook e la risposta è che Facebook è finalizzato alle intersezioni di reti sociali, mentre Edmodo alla formazione, più che un social media, Edmodo è un educational media based on networking.
Si sfrutta la progettualità di Facebook per scopi notevolmente diversi: in primo luogo non ci sono richieste di amicizia, perché i rapporti sono gestiti a livello professionale; in secondo luogo è il docente a creare e a gestire il gruppo in un ambiente virtualmente protetto.
Dal punto di vista didattico, Edmodo permette di gestire e di didattizzare contenuti in presentia e in absentia rispetto al momento formativo, estendendolo; quando vengono pubblicate nuove informazioni o inseriti nuovi commenti, si riceve una notifica.

Rispetto a Google Plus, Google Drive o alle comuni piattaforme Moodle, Edmodo è più dinamico, perché consente maggiore interattività ed è intuitivo per i corsisti e per le loro famiglie che già utilizzano Facebook.
Un aspetto da non sottovalutare è il fatto che parenti, corsisti e personale amministrativo possono direttamente interagire, aiutarsi, interrogarsi e rispondersi secondo una modalità subitanea, evitando la presenza fisica, molte volte faticosa e vincolata alle esigenze lavorative o agli orari ristretti.
Edmodo permette di creare test e sondaggi, molto utili per verificare l’apprendimento o la predisposizione rispetto ad alcune attività.
Grazie a Edmodo, gli studenti sono costretti a impiegare la lingua per esprimersi e per comunicare.
Un altro fattore che rende realizzabile l’esperienza didattica con Edmodo è la sua applicazione rivolta a ogni grado d’istruzione; parecchi colleghi di scuola primaria e secondaria di primo e di secondo grado riferiscono di aver utilizzato proficuamente Edmodo.

Rispetto alla didattica delle lingue, Edmodo presenta parecchi vantaggi: il primo è relativo all’istantaneità del mezzo, il secondo alla condivisione dei materiali, il terzo alle modalità di valutazione e di surveying, il quarto alla facoltà di personalizzare i contenuti, tenendo conto delle esigenze legate alla didattica speciale.
Avere la possibilità di gestire una classe virtuale al di fuori dell’orario di lezione è un elemento significativo per monitorare i processi di apprendimento e per velocizzare l’acquisizione delle lingue, ma richiede autonomia e responsabilità da parte di corsisti e tutori e dedizione, poiché si tratta di momenti che sovente esulano dall’orario di lavoro dei docenti e dei funzionari amministrativi o didattici.
Uno svantaggio di Edmodo riguarda l’applicazione delle abilità di base della lingua (produzione orale e scritta, comprensione del parlato e dello scritto); per quanto concerne la produzione e la comprensione dello scritto, Edmodo permette di condividere, di scaricare e di caricare testi; per la comprensione del parlato, è possibile caricare file video o audio (anche registrazioni), ma non è possibile avviare comunicazioni immediate in video o audioconferenza.
Mancano insomma le procedure per avviare allo sviluppo delle abilità interazionali, anche di produzione del parlato, vero ostacolo delle piattaforme didattiche e delle glottotecnologie contemporanee.
Purtroppo al momento non è ancora disponibile una versione di Edmodo per tutte le lingue e non è sempre possibile dare per scontato che i fruitori possiedano un livello di inglese tale da soddisfare i bisogni comunicativi e applicativi, sebbene la grafica renda Edmodo molto simile a social media diffusi. Questo punto critico può essere indiscutibilmente un vantaggio per la didattica della lingua inglese, dell’informatica, delle discipline tecnico-scientifiche o, in generale, in ambito accademico.

Rispetto alle possibili applicazioni di Edmondo per i corsi di lingua straniera, si individuano alcuni macroblocchi:

  • Condivisione di testi scritti e discussione tra studenti. Si può avviare l’attività attraverso la tecnica del problem solving e richiedere ai corsisti di fornire una loro opinione e strutturare un dibattito scritto. Sul piano sociolinguistico emergono le varietà della lingua utilizzate per i social media, essenzialmente uno scritto funzionale al parlato, rivolto a una modalità quasi sincronica di comunicazione che riprende elementi tipici dell’oralità.
  • Condivisione di testi scritti e manipolazione. Si richiede ai corsisti di elaborare testi a partire da uno assegnato. Queste attività sono propedeutiche allo sviluppo delle abilità di lettoscrittura.
  • Condivisione di testi scritti e comprensione. Capire un testo scritto è un’abilità non trascurabile all’interno di un corso di lingua; è possibile allenare i corsisti al riconoscimento delle parole chiave, alla suddivisione in sequenze e ad altre attività testuali, prima di procedere con il lavoro di comprensione.
  • Condivisione di filmati e discussione tra studenti. L’opportunità di condividere le proprie opinioni può essere fortemente motivante e richiede una comprensione profonda del messaggio (skimming e scanning).
  • Condivisione di immagini. In questo caso la traccia potrebbe essere la descrizione dell’immagine o elaborati scritti che ricalchino la situazione comunicativa.
  • Invenzione di una storia a partire da una frase data. Ciascuno completa sulla base delle informazioni precedenti (è opportuno chiarire le regole per gestire i turni, anche in rapporto all’intreccio e al rispetto della traccia e degli eventuali vincoli).
  • Sondaggi. I questionari sono utili per pianificare attività e uscite didattiche, ma anche per lavorare sulle opinioni e sugli atti comunicativi in classe.
  • Pratiche ludolinguistiche. Si possono condividere rebus, indovinelli, crucipuzzle, cruciverba e caccia agli intrusi, sempre regolando le attività a seconda degli obiettivi del corso e della competenza degli studenti.
  • Uso delle apps. Alcune applicazioni consentono di svolgere compiti attraverso Edmodo; si pensi ai diagrammi di Classe Charts Edmodo App, alle presentazioni flipped-way di Edcanvas Edmodo App e al controllo degli accessi mediante Educlipper Edmodo App. Oltre alle applicazioni progettate per Edmodo, è possibile utilizzarne altre e inserirle a livello di screenshot o di attività strutturali per integrare la glottodidattica.
  • Chat basata su post. L’insegnante inserisce un post da commentare e si può lavorare sui contenuti (lessico) e/o sulle forme linguistiche a seconda della tematica e dell’impostazione.
  • Condivisione di ricette. Si possono condividere alcune ricette e chiedere di caricare le fotografie della realizzazione dei piatti proposti (occorre lavorare sulla praticabilità dell’attività).
  • Report di conversazioni sulla base di indicazioni fornite dal docente. È possibile richiedere agli studenti di riportare dialoghi reali in forma scritta. L’attività è funzionale per un momento successivo di analisi in aula.

Un aspetto da considerare è che gli studenti possono visualizzare le risposte ai test, ai cloze, ai vero/falso e ciò che caricano altri compagni di corso e di copiarne i contenuti; in questo caso non si tratta di uno svantaggio legato alla piattaforma, ma di un fattore da calcolare ai fini docimologici per quanto concerne la valutazione dei processi e quella finale; occorre ricordare che si tratta di una piattaforma che gestisce apprendimento informale, formalizzandolo per quanto possibile.
Un punto di forza sul piano glottodidattico e didattico di Edmodo è il fatto che si può tenere traccia degli argomenti passati così come dei commenti; in questo modo è possibile apprezzare il progresso dell’apprendimento.
Alcuni corsisti lamentano la mancanza di una chat visibile sulla piattaforma per gestire anche privatamente alcune comunicazioni; in effetti la chat permetterebbe di aggiungere alle varietà trattate a lezione una varietà diamesica parecchio diffusa.
Per quanto concerne i rimandi in classe, ciò che è oggetto della discussione su piattaforma può essere ripreso in aula, ipotizzando punti di raccordo e di contatto fra apprendimento informale e formale.
Alcuni corsisti possono inserire immagini e vignette anche divertenti o ironiche, suggerendo spunti per le espansioni delle attività didattiche tradizionali.
Si ricorda che le glottotecnologie rappresentano un enorme e valido aiuto per la didattica, ma possono anche essere ostacolanti nel momento in cui i corsisti o i loro tutori non hanno confidenza con il mezzo; l’obiettivo di una lezione di lingua è la lingua, non la tecnologia e non sempre è chiaro o viene esplicitato il confine fra la competenza informatica – anche basata sulla novità – e quella didattica (se avviare il gruppo classe all’uso della piattaforma richiede troppo tempo rispetto a quello dei contenuti del corso, è preferibile evitare e procedere in maniera tradizionale). Non sempre corsisti e tutori comprendono le agevolazioni che la tecnologia offre e bisogna costantemente considerare le resistenze all’interno dei processi che portano all’innovazione in glottodidattica.

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons