Prima edizione estiva del Percorso Google Search della DIDASpedia

  di Sergio Casiraghi

E-tutor senior nella formazione dei docenti, Sondrio

sergio.casiraghi@didasca.org

 scarica la versione PDF del lavoro

Prospetto

Questo mese di luglio 2015 ha visto la formazione in servizio dei docenti volonterosi di ogni ordine di scuola che hanno seguito in ambito nazionale la nuova proposta contenuta nel “Piano d’Azione delle 5 ’C’: Comunicare e Collaborare per Creare e Condividere la Conoscenza” promosso da DIDASCA e ospitata con altre nell’abbecedario polimorfico DIDASpedia. Il PerCorso GOOGLE SEARCH viene riassunto nel sito principale citato della DIDASpedia e rintracciato nelle cadenze giornaliere del blog.
Agli iscritti al Percorso è stata assegnata la e-mail nome.cognome@didasca.org; tutti sono stati sollecitati a conoscere o approfondire le applicazioni Google e a usare il browser Chrome. Un Percorso riguardante Chrome era già stato ripetuto in varie edizioni durante l’anno scolastico.


Figura 1 – Avvio della formazione il 6 luglio 2015 conclusione il 29 luglio 2015.

Ritrovi operativi in Business Hangouts On Air (BHOA), svolti un paio di volte alla settimana nel mese di luglio (Fig. 2), hanno permesso di seguire le tappe delle Lezioni in autonomia, consentendo di svolgere il Percorso con un impegno di 6, massimo 12 ore. Garantito il successo della formula 6+2: 6 Moduli attivati in due incontri alla settimana più 2 Appelli per il test finale. Già si prevedono altre edizioni a cadenza semestrale che partiranno dal prossimo novembre, ad anno scolastico avviato.


Figura 2 – Enfasi sul periodo delle vacanze e alla possibilità di connettersi in mobilità.

L’idea di Scuol@ 3.0

La Scuol@ 3.0 rappresenta il nuovo modello didattico sperimentato da Didasca, là dove tutti i verbi volti all’educazione – come istruire, formare e aggiornare – vengono declinati secondo il paradigma dello School & Home Cloud Learning. In questo ambito del tutto nuovo rientra anche il Percorso di LifeLong Learning (LLL) da noi documentato.
Il sostantivo Learning (apprendimento) a cui viene riferito il paradigma della Scuol@ 3.0 è caratterizzato da tre elementi qualificanti: School, Home e Cloud.


Figura 3 – Marchio registrato Scuol@ 3.0.

Nella Scuol@ 3.0 le barriere rappresentate dai muri della scuola (School) è come se non esistessero più. Le lezioni tenute dagli insegnanti, in una qualsivoglia aula della scuola, si propagano immediatamente alle aule presenti in tutto l’edificio o negli altri plessi. E non solo, ma anche nelle abitazioni (Home) o altre residenze temporanee degli studenti e dei docenti. Così diverse attività didattiche possono proseguire più liberamente ed essere seguite anche nei periodi di assenza dalla scuola o di vacanza.
Nella Scuol@ 3.0, il materiale didattico realizzato dagli insegnanti, dagli studenti e dai loro familiari – lezioni, documenti, presentazioni, ebook, learning objects e video – è depositato nella nuvola (Cloud) fornita da Google. Ed è accessibile da parte di chiunque tramite il portale DIDASpedia.
Tutto il materiale didattico archiviato nella Cloud è disponibile sempre e ovunque ci si trovi; ed è accessibile da parte di chiunque ne abbia necessità con qualunque dispositivo connesso ad internet: PC, notebook, tablet, smartphone, e così via.
Grazie a Didasca la Scuola italiana si è fatta ‘social’; infatti anch’essa dispone di una propria social learning platform inserita nel più ampio contesto europeo della Open Education.
Open Education Italia si accompagna al portale della Open Education Europa originato dall’iniziativa Opening Up Education promossa dalla Commissione Europea.


Figura 4 – Open Education sviluppata in Italia come in Europa.

Il nuovo Percorso GOOGLE SEARCH

Il Percorso GOOGLE SEARCH consiste in una serie di 6 Lezioni erogate offline/online ciascuna delle quali viene fatta seguire da un Test di autovalutazione. Le Lezioni offline consistono in materiali di studio web based, come web pages, video, test. Va considerato che il tempo richiesto per lo studio non è mai superiore ai 10 minuti. La progressione didattica si sviluppa con una frequenza di 2 Lezioni a settimana (di lunedì e giovedì).
Le Lezioni online si concretizzano nella serie di incontri virtuali con i Facilitatori di Didasca – live e in streaming – tenuti nell’Aula Magna virtuale in un arco di tempo non superiore a 15 minuti, con frequenza bisettimanale (di martedì e venerdì). Con ogni Lezione viene proposto un Test di autovalutazione, che consiste nel fornire risposte a delle batterie di quiz a scelta multipla. La partecipazione a questi Test è del tutto facoltativa e lo svolgimento non richiede più di 5 minuti.
La procedura con cui si svolge il Percorso si articola in due fasi. Inizia con l’invio alle ore 12 del lunedì e del giovedì di una e-mail ai Corsisti da parte del Group Leader & Mentor, insieme alla contemporanea apertura dell’Aula Virtuale. In seguito viene erogata la Lezione Online da parte dei Facilitatori di Didasca, alle ore 17:00 del martedì e del venerdì successivi. Si tratta, in sostanza, di una forma ormai collaudata di passaggio alla Flipped Classroom.
In primo luogo, il Corsista deve leggere attentamente la e-mail del Group Leader & Mentor; essa contiene istruzioni dettagliate sullo svolgimento delle attività didattiche e il link al sito dello STARTING POINT (pagina del sito da cui partire, vedi Fig. 5).


Figura 5 – Starting point.

Le attività didattiche che il corsista deve svolgere consistono nel leggere il TESTO della Lezione e nel visionare il corrispondente VIDEO che l’accompagna. Se qualche punto dovesse non risultare chiaro, il Corsista ha la possibilità di entrare immediatamente, senza problemi, nell’ Aula Virtuale e postare un Quesito nella Chat, oppure accedere al FORUM di Google Gruppi per aprire/seguire le discussioni (Fig. 6).


Figura 6 – Forum @didasca.org.

Nel giorno successivo a quello in cui è stata ricevuta la e-mail i Corsisti sono invitati ad entrare nell’Aula Virtuale per assistere alla Lezione online tenuta dai Facilitatori.
Nel corso della Lezione questi Facilitatori centrano i loro interventi sul focus della Lezione.
La durata della Lezione Online non supera i 15 minuti. Nei successivi 15 minuti i Facilitatori provvedono a fornire chiarimenti su eventuali punti critici segnalati dai Corsisti. Coloro che entrano nell’AULA in ritardo o non hanno la possibilità di partecipare alla Lezione online all’ora fissata hanno sempre la possibilità di rivedere la Registrazione della stessa, in qualunque altro momento. La Registrazione della Lezione online rimane a disposizione dei Corsisti per un anno intero. Alle Registrazioni delle Lezioni online si accede tramite l’AULA indicata nel sito dello STARTING POINT (Fig. 7).


Figura 7 – Indicazioni per accedere all’AULA.

Qualora la scarsità di banda Internet dovesse impedire di accedere all’AULA Virtuale il Corsista ha la possibilità di seguire la Lezione online in modalità Live Streaming.

Infine, dopo aver letto e studiato il TESTO della Lezione, aver visionato il VIDEO e aver assistito anche alla Lezione online, tutti i Corsisti sono invitati a compilare la scheda predisposta per il TEST di Autovalutazione (Fig. 8).


Figura 8 – Pagina di chiusura del TEST di autovalutazione.

Seppure questi TEST di Autovalutazione non abbiano un esito formale, essi permettono ai corsisti di interfacciarsi con delle possibili Domande in vista del TEST FINALE. Ai conduttori del corso offrono un metro di giudizio del livello di apprendimento del gruppo, e qualora sorgessero dei problemi ciò può servire per correggere il tiro e modificare lo stesso metodo di insegnamento. Le Risposte che arrivano settimanalmente dalla Community sono anche queste una ulteriore guida e sostegno nel Percorso.
Nell’ultimo dei 6 Moduli che costituiscono questo Percorso è stata proposta una SIMULAZIONE della Prova Finale alla quale si poteva partecipare liberamente, tutti ne hanno approfittato per familiarizzare con l’ambiente. In seguito, la Prova Finale ha registrato una nutrita partecipazione e si è conclusa con un grande successo.


Figura 9 – Emozione della Prova Finale.

L’esperienza di formazione all’uso del digitale per la didattica

Le competenze nella ricerca in Internet attraverso l’uso di un browser come Google Chrome, sono riconosciute di fondamentale importanza. L’uso consapevole e sagace dei motori di ricerca è il primo obiettivo che ogni insegnante interessato all’introduzione del digitale per la didattica sa di dover perseguire. Il tema del fare ricerche nel web con Google (Google Search), seppure in periodo di vacanza, ha richiamato più di 300 persone che hanno liberamente partecipato a questa Edizione 01 del Percorso Google Search e 228 sono stati i corsisti effettivamente certificati.
Dislocati in ogni parte d’Italia, i corsisti si collegavano – standosene anche in spiaggia, sotto l’ombrellone o in qualche baita sui monti – attraverso uno smartphone (secondo dichiarazioni genuine) o altro dispositivo con accesso a Internet.
La classe virtuale che ha sperimentato questo primo Percorso era composta in gran parte da insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, oltre ad alcuni pensionati e qualche studente.

Il metodo della classe rovesciata – Flipped Classroom – ha efficacemente sostenuto tutto il Percorso. Le modalità organizzative delle Lezioni sono frutto della lunga esperienza maturata da Didasca (http://www.didasca.it) nella formazione (LLL) e certificazione delle competenze digitali (http://internetforminds.it, http://www.internetforjobs.it) (Fig. 10).


Figura 10 – Certificazione offerta a coloro che hanno avuto attestato il percorso.

Le piattaforme e-Learning utilizzate, oltre al portale http://www.didasca.eu, erano quelle di Google e Altadyn nei BHOA. La fruizione di contenuti si è avvalsa dell’opportunità del BYOE (Bring-Your-Own-Everything) per l’insegnamento e l’apprendimento nel combinato ecosistema Google/Didasca.

I contenuti proposti che ritrovate anche sul portale, e che sono stati esposti nelle 6 Lezioni, vengono qui di seguito riportati dal Piano di Studio di questo Percorso:

LEZIONE 01

  • Il World Wide Web.
  • La ricerca nel web.
  • La ricerca di base tramite l’omnibox.
  • I risultati della ricerca.
  • Video.

LEZIONE 02

  • La ricerca rapida all’interno di una pagina web.
  • La compilazione automatica dei moduli web.
  • La gestione delle credenziali di accesso ai siti web.
  • Video.

LEZIONE 03

  • Introduzione alla ricerca avanzata.
  • Metodologie di ricerca avanzata.
  • Metodo 1 – Affinare una ricerca.
  • Metodo 2 – Ricerca avanzata.
  • SafeSearch: il filtraggio dei contenuti discutibili.
  • Video.

LEZIONE 04

  • La ricerca semantica.
  • Gli operatori.
  • Le funzioni di ricerca.
  • I convertitori.
  • La calcolatrice.
  • Video.

LEZIONE 05

  • La ricerca di immagini.
  • La ricerca tramite immagine.
  • Le quattro modalità di ricerca tramite immagine.
  • Video.

LEZIONE 06

  • Parlare al computer anziché muovere le dita.
  • Chrome per smartphone e tablet Android e iOS.
  • Le caratteristiche di ‘Chrome for mobile’.
  • Google Now: i principali comandi (in italiano).
  • Video.

Molto suggestive e approfondite sono state le questioni relative alla ricerca semantica, che ha permesso di allargare lo sguardo anche ad altre imprese impegnate in queste ricerche di frontiera “human-like” (http://facilitylive.com) e portare a confronto le esperienze dei corsisti.
L’esame conclusivo del nostro Percorso è una batteria di 20 domande a scelta multipla alle quali rispondere in 30’ nel corso di Hangout in diretta. Gli appelli finali sono stati proposti in due giorni di seguito, ad ore diverse, per dare a tutti la possibilità di partecipare alla prova.
Una curiosità: l’esame, così come l’attesa delle Lezioni On the Air, è stato accompagnato da una piacevole musica, adatta come sottofondo, scelta dalla regia. Le 20 domande poste in questo esame finale erano casualmente estratte tra quelle proposte alla fine di ogni Lezione nei TEST di autovalutazione, niente di diverso, e già discusse dai corsisti in Google Gruppi.

Era comunque necessario rispondere esattamente ad almeno il 75% delle domande per poter superare l’Esame, che è stato effettivamente superato con successo da quasi tutti i corsisti che hanno partecipato alla prove nei due giorni previsti.


Figura 11 – Situazione presentata nell’esame finale.

A tutti coloro che hanno superato la prova è stata data la possibilità di ottenere l’Attestato di “Google Search Didasca Certified Specialist” che certifica le competenze acquisite. La richiesta, che è del tutto facoltativa, prevede il versamento di una fee di 20€ a copertura delle spese di rilascio.


Figura 12 – Attestato di “Google Search Didasca Certified Specialist”.

Conclusione del Percorso, valutazioni dei partecipanti e prospettive

Il Percorso Google Search ha messo in evidenza il valore dell’esperienza e dello studio nell’uso dei motori di ricerca, base di una competenza essenziale per avere la sensibilità necessaria a dare risposta a quanto è richiesto per fare ricerche nel web e curare i contenuti esposti in Internet. L’importanza del tema e degli approfondimenti fatti hanno giustificato l’impegno che si è potuto assolvere anche stando in ferie. I partecipanti sono stati invitati a compilare un Form aperto per valutare il Percorso seguito dal quale abbiamo raccolto tutti i giudizi e le osservazioni, in sintesi tutte molto positive.
Fra le centinaia di risposte pervenute ne riportiamo alcune: “Eccellente!” da Giuseppina Impeduglia e altri. “Tutto il corso, l’organizzazione, i tutor, i materiali e l’ambiente di studio sono ben fatti, puntuali, chiari e semplici da usare. Se si pensa che il tutto è fruibile gratuitamente, non si può chiedere di più” da Riccardo Tiberi. “Mi sono imbattuta in Didasca per caso, sono una instancabile esploratrice della rete, il caso o la serendipità ha voluto che capitassi qui. Il corso è stato utile e molto interessante, il metodo di studio adottato lo sposo al 100%, anch’io a scuola, sono insegnante di tecnologia nella secondaria di I grado (A033), sto introducendo la flipped classroom e le tecnologie nella didattica. La qualità dei materiali e la competenza dei facilitatori, rettore e mentor sono state ottime. Ho apprezzato molto anche il forum, dove oltre al mutuo aiuto si può contare sull’intervento competente di Elisa Degli Esperti, e di Angelo Nera. Mi dispiace solo di essere arrivata in Didasca troppo tardi e di non aver potuto seguire il percorso google chrome, recupererò in futuro! In questi giorni cercherò di descrivere la Vostra "offerta" alla mia Dirigente per aderire con il nostro istituto comprensivo a ‘la Buona Scuol@ 3.0’. Ancora tante grazie!” da Sonia Busi. “Il percorso GOOGLE SEARCH è stato organizzato in modo da facilitare la comprensione della fondamentale funzione di ricerca collegata al browser Chrome. I testi delle lezioni sono risultati estremamente chiari e di gradevole lettura. Molto ben bilanciati i tempi delle attività live in aula virtuale. I facilitatori sono stati sempre puntuali tempestivi ed esaustivi negli interventi in chat, nei video collegati alle lezioni e nel forum. Altrettanto positivo è stato il supporto del Group Leader & Mentor. Interessante e stimolante è stata l’interazione con colleghi sparsi in tutto il territorio nazionale” da Carlo Reda.“Come già in occasione del percorso google chrome non posso che esprimere il mio apprezzamento per l’efficacia, la chiarezza e l’ottima organizzazione anche del percorso google search. Mi avete fornito molti spunti utili per riorganizzare la mia didattica…“ da Fabiana Datri. Come si vede dal tenore di tutti i commenti possiamo ben sperare per il futuro avanzamento di questo modello di formazione e augurarci il buon esito del processo di innovazione didattica in corso nella scuola.
Molti corsisti hanno ancora seguito in hangouts, nella prima settimana di agosto, la serie a cadenza giornaliera di PROVE TECNICHE per approfondire l’impostazione e conoscere vari problemi operativi legati all’attivazione delle mini aule virtuali concesse da Didasca a ciascun partecipante.


Figura 13 – Effettiva conclusione del Percorso con riflessioni e condivisioni varie.


Figura 14 – Indicazioni sull’apertura delle mini aule virtuali assegnate e nuovi eventi.

Alle repliche del Percorso formativo potranno partecipare diversi colleghi di quelli che hanno seguito la prima edizione, e soprattutto molti dei loro studenti. Questo aiuterà a modificare l’insegnamento in quanto renderà la ricerca nel web assai più approfondita e consapevole. L’inclusione nei curricula delle Competenze Digitali e del Pensiero Computazionale, altro Percorso già programmato per il nuovo anno scolastico, si dovrà inserire a tambur battente nel Piano dell’Offerta Formativa triennale da approvare entro il prossimo mese di ottobre. Tutto riconduce al Piano nazionale di alfabetizzazione digitale, iniziativa partecipata da Didasca – The First Italian Cyber Schools for Lifelong Learning – nell’ambito della campagna e-Skills for Jobs promossa dalla Commissione Europea per favorire e aiutare lo sviluppo delle competenze digitali dei cittadini europei.


Figura 15 – DIDASpedia.

Permettetemi di concludere con i più sentiti ringraziamenti a Silverio Carugo, Rettore di Didasca e facilitatore del nuovo Percorso, insieme ad Angelo Nera e all’assistente Irene Muci Group Leader & Mentor, per questi Percorsi e tutte le altre iniziative messe in campo da Didasca. Senza il loro grande impegno e la costante dedizione nella messa in opera, nulla di tutto ciò che ho illustrato poteva essere provato da quanti hanno seguito fin qui.


Figura 16 – Fine
.

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons