Digital makers alla primaria: dalla robotica educativa alla robotica creativa

  di Giuliana Finco
Istituto Comprensivo 1 Tomaso Albinoni – Selvazzano Dentro (PD)________
giulien@teletu.it

 scarica la versione PDF del lavoro

 

Young people today have lots of experience … interacting with new technologies, but a lot less so of creating [or] expressing themselves with new technologies. It’s almost as if they can read but not write.” M. Resncik Let’s teach kids to code TEDxBeaconStreet • Jan 2013

La costruzione di artefatti digitali, fisici e virtuali, che possono essere condivisi, discussi, ammirati è un buon laboratorio per l’apprendimento del pensiero computazionale.
La costruzione di artefatti fisici (installazioni interattive, robot autonomi, indumenti dotati di sensori e attuatori) e di artefatti digitali che vivono su di uno schermo (come storie multimediali interattive, videogiochi, simulazioni, …) costituiscono le attività di laboratorio da affiancare alla riflessione e studio del pensiero computazionale.
” (Contributo a “La buona scuola” di AICA, ANDINF, Confindustria, CINI, CNR-ITD, Rete Robotica a Scuola)

Il percorso

Dal 2010 nella nostra scuola primaria “Marcello” si attuano progetti di robotica educativa che coinvolgono tutte le classi, a partire dalle classi 1° e 2° con l’uso dei kit Lego WeDo fino alle 3°, 4° e 5° con i robot NXT.
Il percorso ha avuto inizio con Il Progetto “Robotica per sviluppare competenze” che è stato realizzato nel corso di un triennio:

  • a.s. 2009-10, inizio del progetto, rivolto alle classi 3°, 4°, 5° del plesso. Grazie al contributo dei genitori, vengono acquistati a inizio aprile 2010 8 kit Lego Education WeDo. Usando questo materiale i bambini costruiscono e programmano semplici robot: collegando i modelli dotati di motori e sensori a un computer e utilizzando un software di facile utilizzo si possono programmare i robot in maniera da effettuare operazioni differenti. I set consentono ai bambini di svolgere un’ampia gamma di attività interdisciplinari lavorando in gruppo e sviluppare conoscenze di scienza, tecnologia, meccanica, oltre che linguistiche (italiano e inglese), comunicative e di problem solving.
  • a.s. 2010-11 continuazione del progetto dell’anno precedente allargato anche alle classi del primo biennio, classi 1° e 2°.
  • a.s. 2011-12 terza annualità del progetto. Vengono acquistati con i fondi del Progetto classi 2.0, assegnato alla classe 3° della scuola Marcello, 8 kit NXT2 per la robotica.

Nel biennio 2013-14 con il Progetto “Robotica ed energia, vincitore del "Concorso di idee per applicazioni didattiche e multimediali" 2012 della Fondazione Amiotti, l’uso della robotica viene applicato alle nuove fonti di energia in modo da far sperimentare e comprendere il funzionamento delle fonti di energia rinnovabili, favorire la riflessione riguardante i consumi energetici, la produzione di energia ed il rispetto per l’ambiente.

I materiali prodotti e descritti nel diario di bordo, la documentazione dei percorsi e delle attività dei laboratori di progetto sono visibili nella piattaforma Moodle di progetto “La scuola nella nuvola”: http://www.giulien.com/moodle/


Figura 1 – La piattaforma Moodle di progetto.
 


Figura 2 – La mappa del Progetto “Robotica ed energia” (vai alla mappa).
 

Verso una robotica creativa


Figura 3 – Costruire Smart city (vai alla presentazione).

Nella 2° annualità del progetto “Robotica ed energia” viene approfondito il tema delle smart cities. L’attività di robotica viene svolta dando maggior spazio all’inventiva e alla creatività dei ragazzi che devono immaginare, progettare e, infine, costruire il loro modello 3.0 di quartiere ideale, la Caselle del futuro (Caselle è una frazione di Selvazzano Dentro), con le strade percorse da robot e con edifici costruiti con materiali biocompatibili alimentati da energie rinnovabili. 


Figura 4 – Da Google Earth alla mappa.
 


Figura 5 – La Costruzione del plastico in scala.
 

 
Figura 6 – La Caselle del futuro, con le strade percorse da robot: video.

Nel quartiere riprodotto su plastico in scala (1 m = 0,014 m) sono visibili gli edifici reali e, in realtà aumentata, quelli “virtuali” realizzati con il software 3D Sketchup.


Figura 7 – Edifici in 3D realizzati dalle classi 5°.

La realtà aumentata è una tecnologia che sovrappone contenuti digitali agli oggetti del mondo reale. La percezione del mondo viene “aumentata” da oggetti virtuali che forniscono informazioni supplementari sull’ambiente reale.
La realtà, grazie al 3D, viene “aumentata” con la sovrapposizione di oggetti virtuali che danno la visione di quello che i ragazzi immaginano potrebbe essere il quartiere del futuro: http://youtu.be/plOxw7cTK_c


Figura 8 – Utilizzo della Realtà Aumentata.

Produrre e utilizzare energie rinnovabili

Auto elettriche: costruzione di una macchina alimentata da cella solare. La cella solare viene caricata con la luce di una lampadina, l’energia accumulata viene poi utilizzata per muovere le pale di un mulino o per muovere una macchina elettrica.


Figura 9 – Caricamento e utilizzo del pannello solare: video.

Realizzazione di un Maker lab a misura di bambini e ragazzi

A novembre del 2014 inizia iI progetto “Coder dojo nella scuola primaria” nel laboratorio informatico della scuola, in orario pomeridiano extrascolastico. La scuola dispone di un laboratorio ben attrezzato (25 computer, una decina di microscopi digitali, kit per la robotica, videoproiettore) e può contare su un background esperienziale pluriennale sull’uso didattico della programmazione e della robotica.
Recentemente, grazie alla donazione della Fondazione Amiotti, è presente anche una stampante 3D di cui il progetto potrà avvalersi per avviare alla conoscenza del mondo del 3D printing nelle sue caratteristiche e potenzialità.
Completamente gratuito secondo la filosofia dei Coder Dojo, offre ai ragazzi l’opportunità di creare i primi programmi e semplici videogiochi in autonomia.
La cultura maker, all’insegna del “do it yourself”, sta fiorendo tra i banchi di scuola. Lo dicono anche le parole del ministro Stefania Giannini: “La cultura maker offre una valida fonte di ispirazione: un maker impara a sperimentare, a condividere la propria conoscenza e a collaborare con i pari, creando una comunità che si auto-forma. Costruire una generazione di maker significa dare vita a una comunità di giovani ricchi di capacità, appassionati e autonomi”.

Obiettivi, metodologia

Gli incontri si tengono con cadenza periodica, dai 2 ai 4 incontri mensili di 2 ore ciascuno, a partire da novembre fino a marzo, per un totale di 14 incontri.
Nella prima parte uno dei mentor spiega con un esempio che i bambini riprodurranno sui propri computer. Nella seconda parte, i ragazzi saranno liberi di continuare personalizzando o creando ex novo sulla base di quello che hanno imparato.
I genitori sono “caldamente” invitati.

  • Insegnare a pensare in modo creativo, a lavorare in collaborazione e a ragionare in modo sistematico, attraverso il linguaggio di programmazione.
  • Le attività sono basate sul learning by doing: le competenze vanno acquisite sul campo, provando e riprovando e verificando dove si sono commessi degli errori.
  • Promuovere l’utilizzo del software open source e gratuito.
  • Laboratorio come scuola di vita. Il motto dei Coder Dojo è: “Above All: Be Cool, bullying, lying, wasting people’s time and so on is uncool.”. Soprattutto sii in gamba! Il bullismo, mentire e far perdere tempo non è da persone in gamba.
  • Diventare punto d’incontro di insegnanti, genitori e ragazzi che giocano a programmare un futuro migliore, divertendosi.

Strumenti

1. Utilizzo della Realtà Aumentata: per mezzo dell’AR-media Plugin i modelli 3D realizzati in SketchUp possono essere visualizzati fuori dello spazio di lavoro digitale, direttamente nello spazio di lavoro reale dell’utente, collegando una semplicissima webcam e stampando un codice opportuno (denominato marker).

Nasce così la scuola “ideale” disegnata in 3D dai ragazzi con Sketchup (il tetto è stato tolto per rendere visibili gli interni): non più aule ma una struttura modulare, dove ogni ambiente ha una funzione specifica.


Figura 10 – La scuola ideale.

La stessa scuola in “Realtà Aumentata” è proiettata all’interno del plastico che rappresenta il quartiere in cui si trova la scuola. 


Figura 11 – La scuola ideale.

2. Utilizzo del programma Scratch, completamente gratuito, sviluppato appositamente dal MIT (Massachusetts Institute of Technology). I ragazzi di oggi, “nativi digitali”, sono spesso poco consapevoli di ciò che “sta dietro” alla tecnologia e all’informatica. Perciò è importante mostrare ai bambini come utilizzare il linguaggio di programmazione per costruire racconti, animazioni e videogiochi.

Scratch può venir utilizzato anche con i kit robotici Wedo: costruiamo gli ani-robots, inventiamo delle storie e videogiochi sugli ecosistemi in cui vivono. 


Figura 12 – I ragazzi costruiscono un videogioco sull’ecosistema savana con Scratch.
 


Figura 13 – Costruiamo gli ani-robots.

3. Utilizzo della stampante 3D per stimolare la creatività nella produzione di oggetti concreti e l’esplorazione della tridimensionalità in termini ludici. Incentivare l’ideazione spaziale offrendo la possibilità di "creare" oggetti, rendendo possibile immaginare come sono fatti, di quali componenti sono composti, come si rapportano i singoli pezzi tra loro. Partendo da un disegno digitale dell’oggetto, realizzato con un software di modellazione 3D, come Sketchup o come Tinkercad, disponibile online e pensato appositamente per i ragazzi, si possono produrre oggetti solidi di plastica.


Figura 14 – Tinkercard.

4. Utilizzo del microcontrollore Ide Arduino: il bambino ha la possibilità di apprendere giocando, costruendosi il proprio “giocattolo intelligente” connettendo sensori, attuatori (LED, motori, ecc.) e facendogli eseguire piccoli automatismi (dal movimento all’illuminazione, alla ventilazione, ecc.), programmandone il funzionamento
al computer con S4A, una versione di Scratch dedicata ad Arduino. 


Figura 15. Arduino-robot – S4A: Scratch for Arduino.

Mentre nella Robotica Educativa, i robot vengono costruiti sulla base di modelli già dati, nella Robotica creativa, l’oggetto viene “pensato”, “creato” e “progettato” dal bambino, per poi essere costruito, programmato e, se necessario, stampato in alcune sue parti con la stampante 3D.
E’ in programma, una volta acquisite le competenze necessarie, l’utilizzo di Arduino per aggiungere interattività al plastico di Caselle. 

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons