Sinergia tecnologica nell’insegnamento delle discipline umanistiche

  di Giuseppe Corsaro

I.C. Leonardo da Vinci – Mascalucia (CT)



g.corsaro@email.it

Senza alcuna pretesa di originalità, scientificità e/o di completezza, ma anche per fare un po’ il punto sull’impegno professionale degli ultimi anni, vorrei provare a condividere la mia personale esperienza al di fuori della ristretta cerchia dei colleghi diretti.
Insegno materie letterarie alle medie e provo da tempo ad integrare le mie (modeste) competenze informatiche e l’attività didattica quotidiana con un discreto (a sentire colleghi, genitori e soprattutto alunni) successo.

Introduzione

Comunque ripensi all’esperienza condotta negli ultimi anni, non posso fare a meno di pronunciare la parola “sinergia”. I miei sforzi sono stati, infatti, tutti tesi a sfruttare al meglio le risorse strutturali e infrastrutturali (cronicamente carenti) e a renderle funzionali al lavoro di tutti i giorni integrandole nell’attività scolastica e (ambiziosamente) anche extrascolastica dei ragazzi. Il mio obiettivo è stato (è ancora e sarà probabilmente anche in futuro) quello di cercare, grazie alle nuove tecnologie applicate alla didattica, di portare il mondo “normale” dei digital natives dentro la scuola e, viceversa, il mondo della scuola fuori dalle mura scolastiche. Per questo tutto quello che ho avuto e ho a dispozione (poco o molto che sia) l’ho valorizzato usandolo in sinergia con il resto. Ma di cosa sto parlando?

Cosa ho usato

Vorrei cominciare col fare una ragionata disamina di tutti i “mattoncini” che mi sono tornati utili.
● Infrastrutture:
   ○ Rete LAN e 4 isole Wireless.
   ○ Connessione ad Internet.
● Strutture:
   ○ Aula multimediale informatizzata.
   ○ Laboratorio linguistico multimediale.
   ○ Aula magna (parzialmente multifunzionale).
● Hardware:
   ○ Alcuni PC nelle aule-classi con Linux.
   ○ 5 Notebook con Windows.
   ○ 10 LIM in 10 Aule.
   ○ 1 postazione LIM portatile.
   ○ Notebook privato (il mio).
   ○ Videoproiettore.
● Software offline:
   ○ Pacchetti applicativi per la produttività personale (Office o simili).
   ○ Software didattici.
   ○ Software per la didattica.
   ○ Software per creare test e verifiche.
● Web d’Istituto:
   ○ www.vincimascalucia.gov.it
   ○ http://scuola.repubblica.it/sicilia-catania-smsleonardodavinci/
   ○ https://www.facebook.com/pages/IC-Leonardo-da-Vinci-Mascalucia-CT/226560080732547
● Risorse online:
   ○ Wikipedia, Youtube, Siti RAI, Blog mio e di altri docenti, ecc …
● Web-apps:
   ○ Varie applicazioni disponibili in rete (un parziale elenco è disponibile sul sito della Scuola http://www.vincimascalucia.gov.it/
● Risorse degli editori:
   ○ Risorse online.
   ○ Test ed esercizi interattivi online.
   ○ Classi virtuali (e-learning).
   ○ CD e DVD in dotazione con i libri di testo.

Tutti questi elementi, se usati in sinergia, si potenziano vicendevolmente ma il cuore di quest’azione sinergica è certamente il web d’istituto. Bene, è il momento di vedere come tutti questi “oggetti” possono cooperare e lavorare uniti per un comune obiettivo: insegnare materie umanistiche ai ragazzi delle medie del terzo millennio.

Esperienza 1: pratica di attività didattica per la grammatica italiana

L’azione didattica inizia in classe con la LIM, prosegue in aula informatizzata dove ogni alunno può eseguire i suoi esercizi autonomamente. I ragazzi ritrovano a casa facilmente le stesse risorse e gli esercizi interattivi di morfologia sui nomi, gli articoli, i verbi e le altre parti del discorso (variabili e invariabili). Gli esercizi sono quelli messi a disposizione da alcuni editori di testi scolastici (es.: Loescher, Mondadori, SEI) ma anche altri disponibili in rete. La caratteristica comune è che le applicazioni usate sono tutte online e che possono essere facilmente rintracciate grazie al repository Materiali Didattici sul sito web d’istituto che funge un po’ da “indice”. Vediamo un esempio.

Morfologia – Il nome

Lezione 1 – In classe

Introduzione al nome con metodologia frontale. Chiamo qualche alunno/a alla LIM per provare qualcuno degli esercizi disponibili:
http://www.seieditrice.com/materiali/palestra-di-grammatica/nome/index.html
http://www.loescher.it/librionline/risorse_linguaitaliana/download/interattivo/start.html
http://www.pianetascuola.it/risorse/media/secondaria_primo/italiano/grammatica_perche/grammatica
_vol_a/quiz_grammatica_perche/test_volume_a/morfologia_v2/1_1_verifica/1_1_verifica.html

Assegno per casa il compito di provare gli stessi esercizi autocorrettivi visti in classe con la LIM e di provare a farne alcuni con calma dal proprio PC.

Lezione 2 – In aula informatizzata

Riprendiamo gli esercizi già provati in classe con la LIM e (si spera) a casa. Qui gli alunni hanno a disposizione un computer ciascuno. Io posso controllare il loro operato dalla postazione docente grazie al software ItalC che permette anche una certa interazione. E’ questo il momento in cui i ragazzi fanno sul serio. Capiscono cioè che la loro capacità di avviare ed eseguire gli esercizi autocorrettivi è sotto gli occhi dell’insegnante e dei compagni.
Questo è anche un momento buono per proporre altre risorse online da utilizzare a casa mostrandole e spiegandone le funzionalità (la facile reperibilità è sempre assicurata dal repository sul web d’istituto).

Lezione 3 – in classe

Attraverso alcune interrogazioni con la LIM provo a far emergere le eventuali difficoltà incontrate. Ripeto le spiegazioni necessarie, faccio degli esempi, indico gli esercizi per il recupero e/o per il potenziamento (anche questi reperibili con le solite modalità).
Fisso la verifica sul nome per la settimana successiva. Assegno nuovamente le esercitazioni online per casa.

Lezione 4 – verifica in aula informatizzata

Ho preparato un test da eseguire al computer (con QuizFaber), ho predisposto il tutto. Non resta che da somministrarlo. Trenta attività sul nome, risultati immediati, evidenziazione degli errori … nessuna insufficienza (soddisfazione generale!).

Esperienza 2: pratica di attività didattica di letteratura italiana

L’azione didattica inizia in classe con un lettura-audio da LiberLiber, una spiegazione frontale ed un audiovisivo alla LIM, prosegue in aula informatizzata dove ogni alunno opera sul Blog di Classe autonomamente. I ragazzi ritrovano a casa facilmente le stesse risorse, possono continuare il lavoro iniziato a scuola.

Divina Commedia – Inferno, Paolo e Francesca

Lezione 1 – in classe

Prima di iniziare con l’ascolto del brano audio (accompagnato dal testo stampato), approfitto per presentare la risorsa LiberLiber. Lo faccio utilizzando un post introduttivo sul mio blog Il blog del Prof che gli alunni conoscono e visitano periodicamente. Cerchiamo il brano su LiberLiber alla LIM e lo ascoltiamo seguendo sul libro di testo.
Compiti per casa: parafrasi scritta di una parte del V° Canto. Chi vuole può metterla sul Blog di classe: eccone alcune http://secondae2013.wordpress.com/?s=paolo

Lezione 2 – in aula informatizzata

Ogni alunno lavora con il proprio account su WordPress. Può pubblicare post sul suo blog individuale o metterli in revisione sul Blog di classe.
Approfitto per mostrare alla classe una versione paleo-cinematografica del capolavoro dantesco (http://gcorsaro.wordpress.com/2012/12/13/linferno-di-giuseppe-de-liguoro/) reperibile sempre tramite il mio blog e/o il web d’istituto.

Lezione 3 – in classe

Lettura, parafrasi orale e commento del brano studiato: interrogazione individuale.

Esperienza 3: pratica di attività didattica di storia

L’azione didattica inizia in classe con una mia introduzione all’argomento. Poi si passa al libro di testo con alcune letture. Si usa la LIM per cercare materiali utili su Internet. Si prosegue in aula informatizzata e a casa con un webquest sull’argomento.

La Rivoluzione Industriale

Lezione 1 – in classe

Introduco l’argomento (frontale), leggiamo dei brani dal libro di testo. Mi accorgo che la macchina a vapore desta interesse particolare. Mi fermo e uso la LIM per trovare animazioni e filmati sulla macchina a vapore e sul suo funzionamento. Enorme successo!
Assegno altre letture dal libro di testo per casa.

Lezione 2 – in aula informatizzata

Invito i ragazzi a ricercare liberamente materiali, notizie, audiovisivi, documenti in rete su ciò che hanno studiato in merito alla rivoluzione industriale. Raccoglieranno i risultati in dei “post a tema” riportando i link ai contenuti trovati ed una breve descrizione degli stessi. I post saranno pubblicati dopo una mia revisione sul Blog di classe .
Compito per casa: continuare a scrivere il proprio post sulla rivoluzione industriale e ultimare il capitolo dal libro di testo.

Lezione 3 – in aula informatizzata

Sottopongo alla classe una serie di domande sull’argomento studiato utilizzando lo strumento messo a disposizione dall’editore del libro di testo (Zanichelli). Gli alunni sono tutti inseriti in una “classe virtuale” (http://zte.zanichelli.it/) e possono eseguire esercizi da me confezionati con materiali messi a disposizione da Zanichelli. In questa fase non vengono registrati i risultati (allenamento).
Compito per casa: continuare ad allenarsi su http://zte.zanichelli.it/

Lezione 4 – in aula informatizzata (verifica)

Somministro la verifica sempre utilizzando lo strumento della Zanichelli. Risultati immediati e sorprendenti: solo due alunni non raggiungono il 6!

Esperienza 4: pratica di attività didattica di geografia (e cittadinanza)

L’azione didattica inizia in classe con una mia spiegazione e con l’uso del grande planisfero a parete. Poi si passa al libro di testo ed in particolare al planisfero politico in esso contenuto. Si leggono alcune paginette e si usa la LIM per cercare materiali utili su Internet. Si prosegue in aula proiezione con la visione di un film inerente l’argomento. Finiamo in aula informatizzata con la verifica proposta dall’autore del testo.

L’Africa settentrionale

 

Lezione 1 – in classe

Inizio una descrizione della regione settentrionale del continente africano. C’é spazio per domande curiose sull’immigrazione clandestina e sull’attualità (Lampedusa, barconi della disperazione, Libia, rivoluzione, Islam, ecc…). Leggiamo qualcosa dal libro di testo. Visitiamo con la LIM i siti di alcuni quotidiani e leggiamo qualche notizia d’attualità riguardante l’ex dittatore libico Gheddafi.

Lezione 2 e 3- aula magna

Vediamo il film Terraferma.

Lezione 4 – in classe

Discussione sul film visto. Letture dal libro di testo su Libia, Algeria, Tunisia e Marocco.
Compiti per casa: completare il capitolo con uno studio guidato sul libro di testo.

Lezione 5 – aula informatizzata

Verifiche online proposte dallo stesso autore del libro di testo su www.libropiuweb.it

Considerazioni finali

Ognuna delle esperienze sopra riportate costituisce solo un esempio delle attività possibili. Ho voluto semplicemente fornire una testimonianza (per nulla esaustiva) di come la “sinergia tecnologica” applicata all’azione didattica possa costituire una risorsa potenzialmente infinita a disposizione del docente anche per l’insegnamento delle discipline umanistiche.
Le infinite variabili, le possibili varianti e le diverse situazioni non possono certo trovare qui più di un semplice spunto, un’idea, un’ispirazione … Ma appunto per questo, a mio parere, la possibilità di confronto e di testimonianze “dal campo” possono fare da volano ad esperienze sempre più valide ed efficaci.

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Lascia un commento

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons