Didattica e one-to-one computing: tra mito e realtà

di Leonardo Tosi

ANSAS – INDIRE – l.tosiindire.it

Alla recente edizione della Fiera ABCD di Genova, il Salone dell’Educazione e dell’Orientamento, sono state presentate due esperienze di one-to-one computing applicato alla didattica assai diverse ma per molti versi complementari.

La concomitanza del seminario internazionale Eminent e del seminario nazionale Classi 2.0 ha creato un interessante scenario dove si sono potuti confrontare esiti e riflessioni provenienti da contesti diversi, locali, nazionali ed internazionali. Un filo rosso che ha percorso l’intera fiera, tanto nella parte espositiva quanto nei seminari e nelle conferenze stampa, è il tema dell’introduzione nei contesti di insegnamento e apprendimento di tecnologie per la didattica in modalità one-to-one: ogni alunno e ogni docente di una classe ha a disposizione un dispositivo digitale portatile che utilizza sia nei contesti di apprendimento formale che informale. In sostanza si usa un device personale in classe e a casa, sfruttando le potenzialità della Rete nelle varie situazioni (rete locale scolastica, connessione domestica, access point pubblici o forniti da altri tipi di locali).

L’attuale interesse attorno a questo tema è alimentato anche da alcune iniziative ad ampio raggio come il Piano di digitalizzazione delle scuole in Sardegna, che prevede l’estensione della modalità di un computer per alunno in tutte le scuole sarde. E’ dunque evidente che si pone la necessità di una riflessione approfondita sull’impatto che un tale approccio può avere sul sistema scolastico se introdotto su ampia scala.
Le due iniziative su cui vogliamo soffermarci hanno caratteristiche molto diverse ma, proprio per questo, ci permettono di sviluppare alcuni spunti di riflessione interessanti. Si tratta del progetto internazionale “Acer – European Schoolnet Educational Netbook Pilot” e del progetto “ArdesiaTech”. Per quanto riguarda il primo progetto si tratta di una iniziativa che nasce da un partenariato tra European Schoolnet e Acer, che ha visto la partecipazione di sei paesi europei (Italia, Francia, Spagna, Regno Unito, Germania e Turchia) e che ha coinvolto 245 classi per un totale di oltre 10.000 partecipanti tra alunni e insegnanti. ArdesiaTech è invece un piccolo progetto di sperimentazione (nato da un partenariato tra ANSAS, il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “Riccardo Massa” dell’Università di Milano Bicocca,  SMART, Intel, Microsoft e la Fondazione ASPHI) che ha coinvolto tre classi di scuola primaria.

Fig. 1 – Una delle tre classi sperimentale dell’Istituto Comprensivo “Baccio da Montelupo” coinvolte nel progetto ArdesiaTech e dotate di ClassmatePC per ogni alunno, SMART Interactive Table, SMART Board e set di software integrato SMART Classroom Suite.

I due progetti non si differenziano solo per l’aspetto quantitativo (il campione di classi) e per il livello scolastico coinvolto, ma anche per l’approccio dell’indagine condotta sulla sperimentazione. Il progetto Eun-Acer si basa su un impianto di monitoraggio prevalentemente quantitativo con questionari erogati a livello centralizzato in modo tale da poter elaborare e confrontare dati statistici significativi. Il progetto ArdesiaTech propone invece una metodologia di indagine prettamente qualitativa che coinvolge ricercatori e docenti sperimentatori in un’indagine partecipata.

Lo scenario di riferimento è stato a lungo condizionato dall’iniziativa promossa da Nicholas Negroponte “One Laptopo per Child” che, ad alcuni anni dal lancio, sta proseguendo il suo percorso pur tra molte difficoltà. Rispetto agli entusiasmi iniziali l’iniziativa non è riuscita a mantenere tutte le promesse evidenziando una serie di problematiche che, prima ancora della tecnologia iniziale impiegata, ha riguardato la struttura del progetto e il suo approccio tecnocentrico [si vedano gli interventi di Robert B. Kozma nello spazio di discussione dedicato al progetto originario: intervento 1, intervento 2]. Sono state messe in evidenza problematiche di varia natura: economica, tecnologica (legati anche ai meccanismi di adozione dei dispositivi), didattico-pedagogica (l’assenza di modelli di riferimento), metodologica (assenza di un rigoroso impianto di monitoraggio), di approccio (prevalentemente di tipo top-down), di sostenibilità (come garantire la continuità del setting senza continui interventi dall’esterno?). [Per una analisi più completa degli elementi emersi si veda anche lo spazio Edutechdebate].
Considerazioni interessanti emergono con il tentativo di eliminare le problematiche strutturali citate, legate in buona parte al particolare contesto del continente africano, trasponendo la tecnologia e l’approccio one-to-one in un contesto diverso. Una sperimentazione, che innesta questi elementi nel contesto didattico-pedagogico italiano, è stata promossa da alcuni docenti da sempre in prima fila nella sperimentazione delle ICT nella didattica, sollevando una serie di spunti di riflessione che risultano molto utili se letti anche alla luce degli sviluppi successivi. Cosa succede se si intende integrare un approccio one-to-one in un contesto di classe tradizionale? Quali differenze rispetto a livelli scolastici diversi? Che ruolo hanno le competenze digitali di partenza dei docenti e come è opportuno supportarle? Che tipo di azioni è necessario attivare per garantire una integrazione di successo di tale setting nella didattica quotidiana? Che tipo di potenzialità si aprono dal punto di vista didattico?

Fig. 2 – Una docente dell’Istituto Comprensivo “Baccio da Montelupo” esplora le potenzialità dei netbook con i propri alunni.

Un contributo alla riflessione su questi punti è stato presentato a Genova con i primi esiti dei due progetti citati. Nella seconda giornata di Eminent Riina Vuorikari ha presentato i risultati del rapporto finale sul primo anno di sperimentazione di “Acer – European Schoolnet Educational Netbook Pilot”; il giorno precedente, durante la conferenza stampa, erano invece stati presentati gli esiti del primo anno di sperimentazione di ArdesiaTech sintetizzati in un primo documento di sintesi. La presenza del MIUR ad aprire entrambi gli eventi sottolinea l’interesse e l’importanza strategica delle riflessioni che emergono dai monitoraggi condotti su questo tipo di iniziative, in grado di fornire alcune coordinate per inquadrare un fenomeno più ampio e in rapida diffusione.

Dalle due presentazioni e da una lettura incrociata dei due rapporti possiamo delineare alcuni punti di attenzione comuni e trasversali rispetto agli obiettivi specifici di ciascun progetto:

  • l’aumento della motivazione e della partecipazione degli alunni nell’attività didattica in classe;
  • il verificarsi di pratiche didattiche attive e forme di apprendimento collaborative (rispetto a questo aspetto il progetto ArdesiaTech evidenzia però uno stretto legame tra le pratiche didattiche osservate e i metodi di insegnamento già adottati dai docenti prima dell’introduzione del setting tecnologico);
  • il verificarsi di situazioni frequenti in cui le tecnologie adottate potenziano l’apprendimento individuale e facilitano la comprensione di tematiche particolarmente ostiche o elementi non conosciuti prima  (“Prima se si parlava di un leccio non si sapeva di cosa si parlava, ora si possono vedere immediatamente le cose di cui si parla e che non si conoscono”, afferma un alunno delle classi ArdesiaTech);
  • la preoccupazione delle famiglie per il futuro dei propri ragazzi che vedono nella sperimentazione la volontà della scuola di occuparsi delle prospettive future degli studenti fornendo conoscenze e strumenti adeguati per una società in continuo mutamento;
  • forme di integrazione scuola-famiglia legate direttamente o indirettamente ai dispositivi personali in dotazione ai ragazzi, che provocano numerose occasioni di coinvolgimento diretto dei genitori nelle attività dei ragazzi (sia a casa che a scuola);
  • l’estrema fiducia delle famiglie nei docenti italiani anche riguardo a tematiche ed iniziative di cui non hanno una conoscenza diretta approfondita;
  • approcci problematici rispetto ai metodi e agli strumenti di valutazione che non sempre sono in grado di valorizzare adeguatamente il tipo di competenze trasversali sviluppate dagli alunni (nel progetto EUN-Acer solo il 32% degli studenti, nonostante l’esperienza positiva, si sente più sicuro quando deve fare verifiche ed essere valutato);
  • l’importanza strategica di opportunità di formazione metodologica e azioni di supporto alla sperimentazione;
  • l’aumento dell’impegno lavorativo richiesto ai docenti dovuto all’introduzione delle ICT nei vari aspetti e momenti dell’organizzazione didattica (nel progetto EUN-Acer risulta che l’85% dei docenti, percentuale maggiore rispetto ad altri paesi, ha dichiarato che l’uso dei netbook richiede maggiore impegno nella gestione della classe e il 77% ha bisogno di più tempo per preparare con maggiore attenzione le lezioni);
  • l’esigenza di un supporto tecnologico efficace, continuativo e sostenibile.

Da questo punto di vista i due progetti presentati arricchiscono le riflessioni già da tempo sviluppate in Italia grazie alle iniziative condotte da alcuni docenti pionieri della scuola italiana. Tale dibattito trova delle interessanti finestre di diffusione sul web negli ambienti DSchola e nelle piattaforme sociali di condivisione della conoscenza.

Per sintetizzare alcune riflessioni è opportuno integrare il quadro anche alla luce del più ampio scenario internazionale. Sono elementi da tenere particolarmente in considerazione quando si passa dall’analisi di sperimentazioni supportate e “controllate” a piani di diffusione a più ampia scala. Da questo punto di vista ci sono di aiuto alcune esperienze svolte in contesti che hanno adottato l’approccio “uno ad uno” da più tempo e che hanno già elaborato alcune soluzioni operative. In particolare hanno fornito un contributo interessante, sebbene non sempre totalmente applicabile e trasferibile, le esperienze condotte dal Department of Education and Early Childhood Development in Australia e il progetto che ha coinvolto il North Carolina negli Stati Uniti (New Schools Project nonché l’analisi comparativa svolta dall’OCSE sul fenomeno one-to-one.

Fig. 3 – Gli alunni durante lo svolgimento dell’attività didattica in classe.

Un primo aspetto da considerare è che l’esperienza dimostra che le tecnologie che entrano in classe devono essere state progettate specificamente per l’attività didattica. E’ necessario inoltre prendere in analisi il motivo per il quale si intende integrare le tecnologie in classe; il rischio, altrimenti, è di portare in un contesto sociale  come la classe (specialmente nella scuola primaria) strumenti pensati piuttosto per una produttività di tipo individuale. Da questo punto di vista il progetto ArdesiaTech è stato guidato dall’obiettivo specifico di esplorare come si sviluppano le dinamiche sociali se la classe diventa interattiva e multimediale (grazie al computer one-to-one, ma anche alla LIM e al tavolo interattivo) e il rapporto sintetico offre alcuni interessanti spunti in proposito.

Un altro punto di interesse riguarda la formazione e il supporto metodologico ai docenti sperimentatori. Nei percorsi sperimentali di successo il percorso di formazione non è stato mai scisso tra “tecnologia” e “didattica”: tutti gli apprendimenti di natura tecnica sono stati associati a problemi di natura metodologica e didattica.

In tutte le esperienze considerate il supporto tecnico ha rappresentato un fattore-chiave per la riuscita della sperimentazione. Spesso il supporto è stato fornito ad hoc dall’ente promotore del progetto o dal partner tecnologico. Per la sostenibilità dell’azione didattica sembra preferibile individuare soluzioni che possano rendere autonoma la scuola (piuttosto che dipendente da un servizio esterno difficilmente sostenibile nel lungo periodo). Interessante a questo proposito lo sviluppo di meccanismi che prevedono la collaborazione tra scuole o la possibilità di creare sinergie tra studenti o referenti di area tecnologica di scuole secondarie di II grado e classi sperimentatrici. La problematica si accentua per i livelli scolastici che non prevedono indirizzi o personale tecnico specifico.

Le famiglie sembrano vedere con favore iniziative di questo tipo in grado di agevolare l’inserimento dei propri figli in una società della conoscenza sempre più pervasa da tecnologie digitali.
Dal punto di vista metodologico nella maggioranza delle esperienze analizzate sono emersi segnali positivi riguardo alla possibilità di sviluppare una didattica più attiva e incentrata sull’alunno, ma anche riguardo a nuove opportunità di diversificazione di percorsi di apprendimento. Stili cognitivi e ritmi di apprendimento diversi sembrano trovare nell’approccio one-to-one risposte efficaci in particolare quando il docente è in grado di attuare strategie di individualizzazione.
La possibilità di utilizzare un dispositivo digitale personale sia in classe che a casa sembra favorire nuove forme di integrazione tra ambienti formali ed informali. D’altro canto la scuola non sembra ancora pronta a valorizzare forme di apprendimento diverse da quelle scolastiche nell’ambito dei propri meccanismi di valutazione.

A fronte dei segnali positivi che emergono da queste esperienze resta fondamentale la ricerca di soluzioni sostenibili ed efficaci dal punto di vista di un maggiore coinvolgimento diretto delle famiglie, di una maggiore flessibilità e robustezza delle tecnologie adottate e dell’esigenza di azioni adeguate di supporto metodologico e assistenza tecnica.

Una delle strade che alcune scuole hanno iniziato a percorrere prevede di sopperire alle carenze di sistema attivando, ad esempio attraverso reti di istituti, azioni di aiuto reciproco. Se la scuola italiana riuscirà a trovare soluzioni sostenibili, allora probabilmente l’introduzione delle tecnologie one-to-one riuscirà a sprigionare più facilmente il proprio potenziale anche al di fuori di sperimentazioni assistite.

Riferimenti

Video progetto EUN-Acer
http://www.netbooks.eun.org/web/acer/videos

Video progetto ArdesiaTech
http://www.scuola-digitale.it/prog_part/ardesiatech/ardesiatech-allabcd-di-genova

Rapporto finale progetto EUN-Acer
http://files.eun.org/netbooks/Acer-EUN-netbook-final-report-2011.pdf

White Paper ArdesiaTech
http://mediarepository.indire.it/iko/uploads/allegati/LV41DIAB.pdf

DSchola: One Laptop per Child
http://share.dschola.it/olpc

Numero monografico su Form@re
http://formare.erickson.it/wordpress/it/category/2009/n-60-gennaiofebbraio-2009/

Dibattito internazionale sull’iniziativa One Laptop per Child
http://www.olpcnews.com

Esperienza one-to-one Australia
http://epotential.education.vic.gov.au/showcase/download.php?doc_id=815

1-to-1 Learning, 21 Steps to 1-to-1 Success
http://epotential.education.vic.gov.au/showcase/download.php?doc_id=889

OCSE: 1-1 in Education
http://www.oecd-ilibrary.org/docserver/download/fulltext/5kmjzwfl9vr2.pdf?expires=1322434865&id=id&accname=guest&checksum=052B2E07CE9B2B15F7324BDC2DBE014A

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Lascia un commento

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons