Convegno conclusivo di Sloop2desc in Sicilia

800 docenti coinvolti su didattica delle competenze, produzione di OER, raccordo scuola-impresa

di Carlo Columba
carlo.columba@gmail.com

Dopo quello di Milano, si è tenuto il 29 settembre a Balestrate (Palermo) il seminario conclusivo di Sloop2desc (Sharing Learning Objects in an Open Perspective to Develop European Skills and Competences), progetto europeo piuttosto complesso derivante dal precedente SLOOP grazie al quale erano state messe a punto delle pratiche riguadanti la produzione collaborativa di Learning Object. In questa seconda edizione le attività consistevano nella formazione di docenti provenienti dal mondo della scuola alle tematiche di SLOOP aggiungendovi quelle relative alla didattica per competenze con particolare attenzione alla competenze informatiche, con riferimento al modello EUCIP.  Inquadrando ovviamente tutto nel “EQF” il quadro europeo delle competenze messo a punto per consentire ai membri della comunità europea di effettuare confronti tra i titoli di studio di paesi e istituti differenti. Informazioni estese sul primo e sul secondo progetto sono reperibili sui siti http://www.sloopproject.eu/ e http://www.sloop2desc.eu/.

La dimensione del progetto è stata piuttosto considerevole, i docenti coinvolti sono stati circa 800, per lo più provenienti dalle scuole italiane ma anche, con qualche differenza di percorso, dalla Romania e dalla Slovenia, partner del progetto. I corsisti hanno prodotto risorse didattiche sia sotto forma di singoli LO (Learning Object) ma anche in forma di interi corsi su piattaforma Moodle: gli uni e gli altri sono liberamente disponibili in accordo alla filosofia OER (Open Educational Resources) ed è quindi possibile non solo liberamente e gratuitamente riutilizzarli in quanto tali, ma anche modificarne i sorgenti per adattarli ad eventuali nuove necessità formative. In questo caso il sito di riferimento è il repository “FreeLOms” all’indirizzo http://www.freeloms.org.

Piacevolmente coordinati da Enzo Munna, questa la estrema sintesi degli interventi. Massimo Perrone, preside della scuola partner e ospite del seminario (Ipssar Danilo Dolci di Balestrate) porge i saluti e apre i lavori. Subito dopo prende la parola l’on. Rizzotto, assessore al turismo della Provincia di Palermo. Grazia Clementi, del consorzio MedEurope, altro partner del progetto, mette in evidenza il cambiamento culturale indotto nel consorzio grazie alle interazioni prodotte dal progetto. Dalla fase iniziale durante la quale permanevano dubbi e perplessità sul ruolo e sulla partecipazione di Medeurope, si è passati alla consapevolezza della possibilità di fare incontrare le esigenze formative delle aziende con quelle delle scuole. In tal senso la metodologia è esportabile in numerose occasioni formative la cui necessità è fortemente sentita tra i paesi che condividono le sponde del mediterraneo.

Giovanni Fulantelli, coordinatore del progetto per conto dell’Istituto Tecnologie Didattiche del CNR di Palermo, ha presentato l’articolazione del progetto secondo i suoi “pilastri fondamentali”: la formazione dei docenti sulle competenze digitali e sulle risorse educative aperte, la certificazione delle competenze, il raccordo scuola-impresa. Ha inoltre esposto i “numeri” del progetto in termini di persone coinvolte e prodotti educativi realizzati.

Carlo Columba, docente coinvolto nella realizzazione del progetto pilota e uno dei tutor delle attività on line – autore di questo articolo – ha puntualizzato l’articolazione del “sistema sloop2desc”, con particolare riferimento alla sua esportabilità per altri obiettivi e per altri contesti (disponibile la presentazione qui:

Infine Franco Chiavetta, docente di materie informatiche e tutor dei corsi on line ha raccontato la sua personale esperienza. Particolarmente significativa l’affermazione che in venti e più anni di attività, questa di sloop2desc ha rappresentato per lui l’esperienza formativa più interessante e coinvolgente della sua intera carriera.

Condividi!
Share On Twitter

You may also like...

Lascia un commento

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Hide Buttons